QR code per la pagina originale

Intel Business Challenge: vittoria tricolore

Italia protagonista all'Intel Business Challenge 2013. Vincono SEM+ e Tensive.

,

La tecnologia touch in tre dimensioni della start up toscana SEM+ ha vinto la Intel Business Challenge Europe 2013, concorso di business plan che ha premiato anche con il terzo posto la startup Tensive e i suoi biomateriali per la rigenerazione dei tessuti. Prossima tappa, dopo Dublino, in ottobre a Berkeley per il challenge globale.

L’Italia, con ben due progetti classificati al primo e al terzo posto, per la prima volta nella storia dell’importante competizione europea promossa da Intel ha giocato un ruolo da assoluta protagonista. Una vittoria di cui essere fieri per almeno due ragioni: il confronto, in finale, con altre 22 squadre provenienti da altri 8 paesi (Bulgaria, Danimarca, Israele, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Slovacchia e Regno Unito) e il forte orientamento verso le soluzioni innovative e le tecnologie intelligenti del futuro, spinta dovuta all’organizzazione con Euro Nano Forum, un forum che riunisce esperti europei di nanotecnologie. I finalisti hanno sviluppato progetti che spaziano in campi molto sifisticati: dispositivi sanitari e medicali, energia ed eco-tecnologie, ICT, biotecnologie e nanotecnologie.

I vincitori

Il primo posto è stato assegnato al team italiano Sensing ElectroMagnetic Plus (SEM+), un’azienda nata nei laboratori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dell’IIT di Genova, ad opera di Silvano Furlan, Alessandro Levi e Matteo Piovanelli. SEM+ sviluppa e commercializza una nuova tecnologia brevettata che introduce la terza dimensione del touch nei sensori basati su interfacce tattili. La tecnologia sviluppata da questi ragazzi rileva la posizione e l’intensità (pressione) di contatti multipli su una superficie, anche se è curva o flessibile. Se applicata ai dispositivi elettronici di consumo, rende possibile un’interazione più naturale tra gli utenti e i dispositivi, con ripercussioni interessanti non solo per l’intrattenimento ma anche per il rapporto device/uomo in generale.

Alessandro Levi, di SEM+, alla premiazione a Dublino.

Alessandro Levi, di SEM+, alla premiazione a Dublino. (immagine: Intel Business Challenge Europe su Facebook).

Il terzo posto

Ma le startup che partiranno per Berkeley sono due, perché tra le cinque selezionate c’è anche Tensive, salita sul terzo gradino del podio (e già premiata due anni fa alla startupcup di Milano). La società è uno spin-off della Fondazione Filarete, che ha ideato un supporto poroso biocompatibile per la rigenerazione ex-vivo di tessuti biologici vascolarizzati e un supporto poroso degradabile, resistente alla compressione, da usare come protesi portante nelle procedure ortopediche e spinali per riparare grandi difetti ossei.
Queste soluzioni di biomateriali impiantabili sono state sviluppate da Alessandro Tocchio, Federica Destro, Federico Martello, Irini Gerges e Margherita Tamplenizza, giovani fisici e biochimici che hanno brevettato le loro idee e ne hanno fatto il core business della società, che intende sviluppare prodotti per la rigenerazione dei tessuti.

Bernadette Andrietti, vice presidente e direttore marketing EMEA di Intel, ha commentato:

Sono rimasta colpita dal talento che abbiamo visto alla finale di quest’anno a Dublino. Lo standard è stato così alto e lo slancio, l’ambizione e la creatività mostrate da tutte le 24 squadre hanno reso molto difficile la decisione della giuria. L’aspetto che è emerso chiaramente quest’anno è che così tanti dei progetti non mirano soltanto a generare profitti, ma ambiscono ad utilizzare la tecnologia e la scienza per far progredire l’intera società.

Fonte: Intel • Notizie su: