QR code per la pagina originale

Tor Messenger Beta, chat anonima e criptata

Tor Messenger è un client di messaggistica per Windows, Linux e OS X che permette di inviare messaggi criptati, garantendo l'anonimato degli utenti.

,

Tor Project ha annunciato la versione beta di Tor Messenger, un client di messaggistica basato su Instantbird. Come la famosa “rete a cipolla”, anche questo software garantisce l’anonimato degli utenti, nascondendo il loro indirizzo IP. Nonostante ciò, Tor Messenger è cross-platform, quindi supporta un’ampia varietà di protocolli, come quelli utilizzati da Facebook Messenger, Google Talk e Twitter.

Il client di messaggistica offre funzionalità analoghe a quelle delle app più popolari, quindi gli utenti continueranno ad interagire con i propri contatti nello stesso modo. C’è però una grande differenza: le comunicazioni sono criptate e passano attraverso i nodi della rete Tor. Ciò impedisce l’intercettazione dei messaggi da parte di hacker o enti governativi. Inoltre, il logging è disattivato, anche se può essere comunque attivato, se si vuole registrare le conversazioni. Ma per una chat “off-the-record” (OTR) non ha senso lasciare tracce.

In realtà anche altri IM molto popolari, come Pidgin e Adium, consentono l’invio di messaggi anonimi attraverso Tor. In questo caso, però, è necessario installare un plugin, configurare manualmente l’applicazione ed eseguire Tor separatamente. Tor Messenger offre tutto ciò in un unico pacchetto pronto all’uso. Per poter garantire la compatibilità con altri client XMPP, Tor Messenger condivide le informazioni dell’utente e l’elenco dei contatti con il server. Alcuni metadati sono quindi accessibili, nonostante l’indirizzo IP sia nascosto.

Il client è disponibile per Windows, Linux e OS X. Le conversazioni one-to-one criptate sono possibili solo se il destinatario usa un client “OTR-enabled”. È comunque possibile disattivare l’opzione che permette di cifrare i messaggi, ma a questo punto è meglio usare un software normale e più diffuso.

Fonte: Tor Project • Via: Wired • Notizie su: