PlayStation Network online entro un paio di giorni

Il PlayStation Network dovrebbe tornare online in tutte le sue funzionalità entro il 31 maggio, secondo quelli che sarebbero i piani di Sony diffusi ieri, ma alcune feature dovrebbero tornare attive entro un paio di giorni. Lo ha rivelato una fonte anonima a Eurogamer, spiegando come il gruppo nipponico stia concentrando i suoi sforzi per

Il PlayStation Network dovrebbe tornare online in tutte le sue funzionalità entro il 31 maggio, secondo quelli che sarebbero i piani di Sony diffusi ieri, ma alcune feature dovrebbero tornare attive entro un paio di giorni. Lo ha rivelato una fonte anonima a Eurogamer, spiegando come il gruppo nipponico stia concentrando i suoi sforzi per ripristinare il gaming online al più presto.

Mancherebbe dunque poco, ormai, per poter vedere nuovamente attive le funzionalità basilari del PlayStation Network, in manutenzione da ormai tre settimane. Sony aveva promesso di portare online il servizio lo scorso fine settimana, ma poi i programmi sono slittati perché è stato loro necessario seguire ulteriori test sulla piattaforma e dunque la data di rilancio del PSN è slittata. Il problema risiedeva nel fatto che l’attacco dei cracker che ha messo K.O. i server è stato più invadente di quanto fosse stato inizialmente preventivato.

Sony prevede di offrire due giochi gratuiti per ogni utente PSP e PlayStation 3, a scelta tra quelli che proporrà – saranno cinque, si dice – e dovrebbe regalare per un certo periodo di tempo l’accesso a servizi premium, nonché un programma di protezione contro il furto di identità.

Bisognerà dunque attendere quel “paio di giorni” che tale fonte ha indicato per vedere se il PSN sarà davvero online.

Ti potrebbe interessare
Al non posto Beppe Grillo
Web e Social

Al non posto Beppe Grillo

Mettere i blog in fila e misurare chi ce l’ha più… influente. L’ennesimo caso, ormai citato da mezza blogosfera, è quello del Guardian che ha composto la classifica dei 50 blog più importanti al mondo.Già è di per sé difficile dare credibilità alle classifiche che si basano su riscontri statistici, quantomeno improbo risulta dunque essere