The Impossible Project I-1: torna l’instant camera

Una fotocamera ispirata alle vecchie Polaroid, che stampa immediatamente l’immagine scattata: arriverà sul mercato tra un mese al prezzo di 299 dollari.

Oskar Smolokowski, CEO del brand The Impossible Project, ha svelato dal palco della conferenza Bloomberg Businessweek la nuova I-1. Si tratta di una instant camera, ovvero una fotocamera dal funzionamento chiaramente ispirato a quello delle Polaroid tradizionali, che stampa direttamente su pellicola l’immagine scattata. Un ritorno alla fotografia analogica per nostalgici, puristi e per chi trova troppo “fredde” le tecnologie moderne, arricchito però da alcune caratteristiche proprie del mondo digitale.

Il design è del tutto votato alla semplicità: il corpo macchina presenta pochi pulsanti e nessuna ghiera per la regolazione dei parametri. Anche il flash, formato da otto LED disposti a cerchio, viene impostato in maniera automatica così da emettere la luce ottimale in ogni situazione, in base all’ambiente in cui ci si trova e alla distanza del soggetto. Non manca però una companion app da installare su smartphone o tablet, a cui connettersi tramite modulo Bluetooth e attraverso la quale regolare ad esempio l’apertura del diaframma, il tempo di posa e altro. L’applicazione consente anche di effettuare il controllo remoto dello scatto e include preset per effetti come la doppia esposizione e altro ancora.

Le immagini vengono impresse su pellicola di tipo 600, a conferma di come l’intero progetto strizzi l’occhio agli amanti della fotografia vintage. La batteria interna è ricaricabile attraverso una normale presa USB, a differenza di come avveniva un tempo con le Polaroid. Il prezzo di 299 dollari al lancio (fissato per il 10 maggio) la rende accessibile, anche se leggermente più costosa rispetto alla concorrente Instax prodotta da Fujifilm e che si colloca nella stessa fascia di mercato, decisamente di nicchia. Di seguito è possibile osservare alcuni scatti realizzati con la I-1 che sembrano usciti da un’epoca ormai lontana.

Ti potrebbe interessare
Terrorismo, odio razziale e omofobia minacciano il Web
Web e Social

Terrorismo, odio razziale e omofobia minacciano il Web

Se ai servizi nati con l’avvento del Web 2.0 non si può che riconoscere il merito di aver facilitato l’approccio alla Rete di milioni di persone, spalancando le porte a un’epoca dove tutti possono essere potenzialmente connessi con tutti, agli stessi portali bisogna guardare con un occhio attento e critico, soprattutto laddove la loro fruizione

Per l’Unione Industriale l’ICT non è a rischio crisi
Web e Social

Per l’Unione Industriale l’ICT non è a rischio crisi

Ciò che emerge dall’ultimo rapporto dell’Unione Industriale Torino, associazione volontaria di imprese aderente a Confindustria, è l’imprescindibilità dell’ICT per le aziendeclienti e, pertanto, settore toccato solo marginalmente dalla crisi che sta investendo l’economia mondiale in questi mesi.In Piemonte, l’Information and Communication Technology rappresenta una fetta consistente dell’economia, dando lavoro a 110.000 addetti, occupati in una

Nielsen introduce la metrica del tempo
Web e Social

Nielsen introduce la metrica del tempo

Nielsen ha parzialmente messo da parte le Page View in quanto parametro non più sufficiente nella valutazione dei siti web. Il tempo passato sui siti diventa un aspetto importante che permetterà di confrontare siti in qualche modo omologhi