QR code per la pagina originale

Google Assistant, in India anche senza internet

Google sta lavorando per portare l'Assistente Google sui cellulari senza accesso ad internet in India.

,

Come largamente risaputo, Google Assistant è disponibile praticamente per tutti i dispositivi: smartphone, laptop e speaker intelligenti. All’inizio di quest’anno, il colosso di Mountain View ha collaborato con KaiOS per portare l’assistente anche sui feature phone. Ora bigG sta per fare un ulteriore passo in avanti: portare l’Assistente Google sui cellulari senza accesso ad internet.

Il progetto di portare l’assistente virtuale sui device senza connessione alla rete è cominciato in India. Per poterlo fare, Google ha pensato ad uno sorta di stratagemma: a rispondere alle domande di un utente non sarà infatti direttamente l’app di Google Assistant, ma un centralino dal quale “risponderà” appunto l’assistente a che sarà possibile chiamare gratuitamente in qualsiasi ora e ogni giorno.

Ad un evento a Nuova Delhi di giovedì scorso, la società ha annunciato una linea telefonica aperta h24 e 7 giorni su 7 su reti di telecomunicazione Vodafone-Idea a cui chiunque può accedere per fare le proprie richieste a Google Assistant (meteo, traffico, informazioni), che si “troverà” appunto dall’altra parte della cornetta. Le risposte saranno formulate in inglese e in lingua hindi (la seconda lingua più usata sull’assistente). Non è ancora chiaro se risponderà direttamente l’Assistente di Google o un essere umano farà da tramite.

Gli utenti potranno dunque comporre il numero 000-800-9191-000 senza alcun addebito di costi per la chiamata o il servizio. Manuel Bronstein, vice presidente di Google, ha dichiarato che attraverso questo programma l’azienda spera di raggiungere centinaia di milioni di utenti in India senza smartphone o connessione ad internet.

Anche se in India ci sono oltre 500 milioni di utenti con accesso ad internet e circa 450 milioni con smartphone, esiste una enorme fetta di popolazione – circa 1,3 miliardi di persone – che è completamente scollegata dalla rete. La scelta dell’India per introdurre questa iniziativa non è casuale: di recente l’India è emersa come uno dei grandi mercati emergenti per le aziende della Silicon Valley.