QR code per la pagina originale

ACTA: storia, retroscena e conseguenze

Tutto quel che bisogna sapere sull'ACTA: l'origine, la storia, il ruolo dell'Italia, le possibili ricadute sulla Rete, i rischi e le opportunità.

,

Per brevità in certi casi, per superficialità in altri, la si chiama ACTA. Ma dietro la sigla si nasconde qualcosa di profondo ed importante, che può incidere pesantemente sulla vita di ognuno di noi. Qui, ora: online. Il significato è infatti quello di “Anti Counterfeiting Trade Agreement“, un documento che è il frutto di anni di trattative, lunghe sedute tenutesi con emissari a livello internazionale ed una miriade di problemi di varia natura. Un trattato commerciale, almeno in apparenza: un documento con profonde ripercussioni, in realtà, che negli anni a venire penetrerà nelle legislazioni di tutto il mondo creando un linguaggio unico nel mondo della proprietà intellettuale e della lotta alla pirateria.

Il rischio oggigiorno è che l’ACTA diventi qualcosa di diverso dal semplice documento “Anti Counterfeiting Trade Agreement”. Il rischio è che diventi un simbolo alienato dal suo vero contenuto, un ricettacolo di polemiche, un capro espiatorio tale per cui la sigla nasconda quel che si cela realmente all’interno del documento. Nascondendone così virtù e pericoli. Il quadro più pericoloso della situazione è quello in cui sull’ACTA vengano a collidere due diverse mentalità, fomentate alla base da lobby differenti, spostando sui principi una guerra che è anzitutto di mercato. Ma che sul piano dei principi darà origine a tensioni sociali che già si stanno facendo evidenti in molte parti del mondo.

Attorno all’ACTA, è ormai chiaro, si giocheranno partite di enorme importanza, equilibri internazionali sui quali nessuno intende mollare la presa. E tutto ciò avrà ripercussioni che a livello europeo già stanno riverberando la propria eco: in Polonia così come in Cecoslovacchia, e presto anche in Italia, il movimento anti-ACTA segue quello anti-SOPA, il simbolo del “bavaglio” torna a farsi sentire ed in tutto ciò informazione e disinformazione vanno a braccetto creando un putiferio di passaparola non sempre chiari, non sempre limpidi, non sempre utili. Con queste pagine cercheremo di fare il punto sulla situazione a seguito di una indagine approfondita che abbiamo svolto sulla base di documenti e testimonianze. Non si intende far passare una posizione piuttosto di un’altra (un equilibrio precario e fragile, ma necessariamente da perseguire), ma soltanto spiegare quali siano le ragioni dell’una e dell’altra parte.

Quel che si intende fare è proporre i fatti, così che si possa partire da un punto fermo: cosa è l’ACTA? Ne parleremo sotto vari punti di vista, così che sia chiaro e comprensibile quel che andrà a succedere, quel che è già successo ed il perché di cotanta tensione attorno all’argomento: la storia e le origini, la presunta segretezza del documento ed il ruolo italiano. Ma soprattutto va approfondito tutto quel che è l’ambito online, le ricadute sulla Rete ed il compromesso relativo ad altri diritti oltre al solo copyright.

Immagine: Unia Polityki Realnej • Notizie su: