QR code per la pagina originale

SimCity presenta l’espansione Città del Futuro

Electronic Arts e Maxis presentano Città del Futuro, il nuovo pacchetto d'espansione per SimCity disponibile a partire dal 14 novembre su PC e Mac.

,

Maxis è al lavoro su una nuova espansione dedicata a SimCity, reboot della serie lanciato in Europa all’inizio di marzo. Il pacchetto si chiama Città del Futuro ed è stato presentato con il rilascio di un comunicato stampa ufficiale, accompagnato da un primo trailer visibile in streaming di seguito. Come ben comprensibile già dal nome, si tratta di contenuti che trasformeranno i centri abitati in chiave futuristica, compiendo un balzo in avanti nel tempo di mezzo secolo.

Il mondo del futuro sarà uno scenario utopico alimentato dall’energia pulita o una società industriale consumata dal mercantilismo di massa? Con SimCity Città del futuro, i giocatori potranno costruire il futuro come lo immaginano. Si potranno trasportare i Sims con la levitazione magnetica, alimentare le città con reattori a fusione o generatori a marea, produrre una legione di robot al servizio dei Sims e costruire enormi mega-torri al cui confronto i grattacieli passano inosservati. Noi proponiamo tecnologie plausibili per guidare le città lungo un viaggio di 50 anni nel futuro: voi che cosa creerete?

Così Patrick Buechner, responsabile generale di Maxis Emeryville, presenta il nuovo DLC, disponibile a partire dal 14 novembre sia per l’edizione Windows del titolo che su piattaforma Mac.

Nuove regioni, nuove tecnologie, nuove specializzazioni cittadine e nuove modalità di trasporto saranno tra gli elementi inclusi in SimCity Città del Futuro. La Limited Edition è già acquistabile online, sulle pagine del sito ufficiale al prezzo di 39,90 euro. Il successo ottenuto finora dal titolo è notevole, con oltre due milioni di giocatori costantemente impegnati nel migliorare e far crescere le loro città. Nonostante i problemi registrati al lancio, poi risolti con il rilascio di numerosi aggiornamenti, è possibile definire il reboot della serie come un’operazione azzeccata, grazie soprattutto alle potenzialità del motore GlassBox realizzato per l’occasione dalla software house.

Notizie su: