QR code per la pagina originale

Microsoft: ci vogliono 30000 dollari per riempire un iPod

,

Negli ultimi mesi Microsoft ha deciso di attaccare in modo aggressivo Apple con una serie di spot costruiti ad arte. Dopo aver cercato, invano, di ridimensionare l’importanza del mondo Mac, Redmond ha preso sotto tiro anche iPod.

Per pubblicizzare il nuovo servizio Zune Pass, un abbonamento mensile di circa 15 dollari che consente il download illimitato di musica, Microsoft ha deciso di non focalizzarsi sui propri punti di forza ma di sottolineare i limiti della concorrenza. La campagna pubblicitaria, infatti, ripete insistentemente come per riempire di musica un iPod si debba spendere più di 30000 dollari su iTunes Store. L’acquisto del player portatile di Apple sarebbe, di conseguenza, assolutamente da evitare.

Come già successo per “Laptop Hunters”, volutamente vengono comunicate al pubblico delle “inesattezze”. L’acquisto di un iPod non comporta il supporto di musica proveniente solo da iTunes. L’utente può avvalersi di altri servizi a pagamento, può convertire in formato digitale i supporti ottici che già possiede o, semplicemente, rifocillare il proprio iPod con materiale gratuito proveniente da tutta la rete. I 30000 dollari di “tassa Apple”, perciò, non sussisterebbero.

Sebbene il servizio Microsoft di download illimitato previa “fee” mensile sia allettante, avrebbe giovato maggiormente all’azienda concentrarsi sui propri punti di forza invece che parlare unicamente di Apple. Questo perché il confronto è sempre rischioso e rivela come, nonostante i prezzi competitivi, il catalogo di Microsoft sia ben lontano da raggiungere la completezza di quello di iTunes Store.

Di seguito, lo spot della campagna Zune Pass: