Nikon D600, sensore a rischio polvere confermato

La recensione di DP Review conferma i rischi legati all’eccessivo accumulo di polvere e sporco sul sensore della fotocamera Nikon D600.

Nikon D600 di nuovo al centro delle polemiche, per il noto problema relativo all’accumulo di polvere e sporco in una ben determinata area del sensore, di cui si è già parlato nelle scorse settimane. A confermare quanto riportato in Rete da numerosi utenti è oggi anche la redazione del sito DP Review.

Il test ha evidenziato una naturale predisposizione del sensore a raccogliere detriti, con ovvie conseguenze negative sulla qualità delle immagini scattate e sulla longevità della macchina. A quanto pare, per porre rimedio alla situazione è necessario ricorrere spesso a una pulizia professionale dell’elemento.

Un problema riportato da più parti sul Web riguarda l’elevata frequenza con la quale il sensore della Nikon D600 attrae polvere e sporco, in particolare nella parte superiore sinistra delle immagini, che ovviamente corrisponde all’angolo inferiore destro dell’elemento. Poco dopo aver ricevuto il dispositivo per la nostra prova, ci siamo visti costretti a dover pulire il sensore.

A questo punto possiamo solamente formulare delle ipotesi sulle cause del problema. Siamo certi che soffiare non serva a rimuovere lo sporco accumulato. Bisogna agire in altro modo, con un vero e proprio “lavaggio”. Abbiamo segnalato la situazione direttamente a Nikon e forniremo maggiori informazioni non appena disponibili.

Secondo quanto riportato da NikonRumors le probabilità che il produttore giapponese intervenga con un comunicato ufficiale per chiarire la situazione sono molto basse, ricordando quanto successo in passato con un problema molto simile avvistato sulle prime unità del modello Nikon D800, risolto poi con l’arrivo delle unità assemblate dopo il lancio.

Ti potrebbe interessare
IBM, una musa per il corporate blogging
Software e App

IBM, una musa per il corporate blogging

IBM Muse è un widget pensato per le aziende che intendono approcciare il corporate blogging. L’80% dei blog, infatti, si è fermato dopo appena 5 post per mancanza di commenti, scarsità di ispirazione, latitanza dei feedback e caduta delle motivazioni

Cipe, Cipe, Cipe… Cipe?
Web e Social

Cipe, Cipe, Cipe… Cipe?

Il sottosegretario Romani prima, e il ministro Brunetta poi, hanno chiesto a gran voce che il CIPE sblocchi i milioni previsti per gli investimenti sulla Banda Larga. Da mesi si parla del CIPE come di una sorta di ostacolo tra il dire e il fare, tra lo stanziamento dei milioni e la disponibilità effettiva degli

Come posizionare e regolare le casse di un sistema audio 5.1
fotografia

Come posizionare e regolare le casse di un sistema audio 5.1

La grandezza in pollici delle televisioni comunemente presenti nei salotti, stanno velocemente crescendo. Per valorizzare tale visione, non si può fare ormai a meno di avere un adeguato impianto audio composto (almeno) da un sintoamplificatore e da un kit di diffusori 5.1.Chi si avvicina per la prima volta a questa tecnologia, non sa, spesso, come

Project e Portfolio Management nell’ICT italiano
Web e Social

Project e Portfolio Management nell’ICT italiano

Secondo l’esperienza di una delle maggiori società italiane quotate all’estero, che estende il suo mercato anche negli stati uniti, il “PPM” è uno dei nodi centrali attraverso cui si può organizzare il lavoro, in particolare quando sono i gioco interessi economici ingenti. Ne parla il direttore generale della Cardinis, Franco Zarpellon:Il PPM non è un’isola

Videocamere SD sempre più piccole: ecco la Panasonic SD5
fotocamere panasonic storage

Videocamere SD sempre più piccole: ecco la Panasonic SD5

Anche la Panasonic presenta una piccola videocamera digitale che registra su memory card SD ad alta qualità.Il produttore dichiara che questa sua camcorder è la più piccola al mondo nel suo genere e le misure 65x67x135mm in 340g sono sicuramente interessanti per chi desidera un oggetto piccolo ma funzionale.Come tutte le videocamere SD anche questa