QR code per la pagina originale

iPhone 6s prima e dopo la sostituzione batteria

Un video mostra iPhone 6S prima e dopo che la batteria sia stata sostituita, dimostrando come la differenza sul fronte delle performance sia notevole.

,

Un video pubblicato su YouTube nelle scorse ore mette a confronto le performance di un iPhone 6s prima e dopo che la batteria è stata sostituita, dimostrando così in tempo reale i guadagni in termini di tempo che gli utenti possono aspettarsi sostituendo la batteria obsoleta del proprio melafonino.

Lo scorso dicembre, Apple ha confermato di aver rallentato volontariamente tramite un aggiornamento software di iOS i vecchi iPhone dotati di una batteria ormai invecchiata e pertanto non più in grado di gestire un pieno carico. Dopo esser stata sommersa da critiche e class action, la casa di Cupertino ha offerto ai propri utenti la possibilità di sostituire la batteria a un prezzo scontato, così da poter tornare a disporre di uno smartphone performante.

Pubblicato da Bennett Sorbo su YouTube, il video consente di comprendere quanto sia notevole la differenza di prestazioni tra un iPhone 6s con performance limitate via software e uno con una batteria nuova appena sostituita da Apple. Ciò che è degno di nota è che il filmato non mostra due iPhone 6s diversi, ma lo stesso telefono prima e dopo il processo di sostituzione, che esegue una serie di compiti intensivi per la CPU come aprire app, navigare sul web, giocare e riprodurre video.

I risultati del confronto rivelano un netto miglioramento delle prestazioni del telefono: con la batteria originale, potenzialmente con una cella obsoleta, iPhone 6s ha completato il test in 5 minuti e 45 secondi mentre lo stesso smartphone con batteria nuova, sostituita, ha effettuato le medesime operazioni in 4 minuti e 33 secondi. Più di un minuto in meno, dunque. Inoltre, mediante un test di benchmark condotto sui due melafonini, l’iPhone 6s originale ha ottenuto un punteggio single-core di 1437 punti e un multi-core di 2485, mentre con la nuova batteria i punteggi sono stati di 2520 e 4412, rispettivamente. La differenza è piuttosto notevole.

Introdotta silenziosamente da Apple con iOS 10.2.1 nel corso del 2016, la funzione è stata progettata per rallentare gli iPhone con batterie obsolete, per impedire che si possano spegnere improvvisamente. Scoperta da un utente di Reddit lo scorso dicembre, la funzione ha sollevato numerose critiche verso l’azienda, poiché molti utenti – e non solo – hanno visto tale mossa come un tentativo di generare nuove vendite degli iPhone, rendendo quelli vecchi ormai inutilizzabili. Un rappresentante di Apple aveva specificato che tali teorie erano del tutto false spiegando che:

L’unico scopo dell’aggiornamento software in questo caso era quello di aiutare i clienti a continuare a utilizzare vecchi iPhone con batterie obsolete senza spegnimenti – non di indurli ad acquistare dispositivi più recenti.

Oltre al programma sostitutivo, Apple consentirà presto agli utenti di monitorare l’integrità della batteria e di disabilitare manualmente la limitazione della CPU attraverso il rilascio di iOS 11.3, che attualmente si trova in fase beta.

Fonte: 9to5Mac • Immagine: Unsplash