QR code per la pagina originale

Banda ultralarga, il piano per le aree bianche

Il Ministero dello Sviluppo Economico, Infratel e Open Fiber hanno presentato la roadmap 2019 per portare la banda ultralarga nelle aree bianche.

,

Il Ministero dello Sviluppo Economico, Infratel e Open Fiber hanno presentato il Piano di Sviluppo della Banda Ultra Larga per l’anno 2019. Trattasi, più nello specifico, della roadmap 2019 del progetto di digitalizzazione delle aree bianche, quelle note anche come a fallimento di mercato in cui Open Fiber sta realizzando una rete di accesso a banda ultralarga in fibra ottica.

Il progetto prevede complessivamente il cablaggio di 7.635 comuni in tutte e 20 le regioni italiane. Alla fine di febbraio sono stati aperti cantieri in fibra ottica FTTH (Fiber To The Home), la fibra che arriva direttamente all’interno di case e imprese, in oltre 1000 comuni, a cui si aggiungono 310 cantieri in tecnologia FWA (Fixed Wireless Access), grazie ai quali sarà possibile arrivare a coprire case sparse e luoghi difficilmente raggiungibili. Attualmente, sono in lavorazione oltre 1.9 milioni di unità immobiliari.

Inoltre, in 4 comuni pilota, Anguillara Sabazia (RM), Campagnano Romano (RM), San Giovanni La Punta (CT) e Fino Mornasco (CO), è già stata avviata in via sperimentale la commercializzazione dei servizi di connettività.

Nel corso del 2019 Open Fiber punta ad aprire cantieri in ulteriori 2.000 comuni italiani e a concludere i lavori in circa 850 di questi.

Trattasi di un Piano molto ambizioso che dovrebbe permette di superare il problema del digital divide in Italia per portare la banda ultralarga anche nelle zone meno sviluppate del Paese per consentire l’accesso a tutti quei servizi di valore aggiunto oggi non accessibili.

Elisabetta Ripa, Amministratore delegato Open Fiber, ha così commentato il Progetto:

L’azienda ha raggiunto e superato gli obiettivi posti per l’anno 2018. Dobbiamo ancora lavorare molto per portare a compimento l’intero piano. Il Governo attraverso il DL semplificazioni ha introdotto importanti novità per facilitare gli iter autorizzativi. Con la collaborazione di tutti gli stakeholder potremo completare questa grande opera nei tempi previsti e rendere accessibili alle comunità i benefici di una rete di comunicazione a prova di futuro.

Fonte: Open Fiber • Immagine: guentermanaus via Shutterstock