Zoom, niente crittografia end-to-end per gli utenti free

La conferma è arrivata: la crittografia end-to-end su Zoom sarà disponibile soltanto per gli utenti premium. Le parole del CEO Eric Yuan.

Parliamo di

Le indiscrezioni sono state confermate. Zoom ha precisato oggi che non abiliterà la crittografia end-to-end per le chiamate effettuate dagli utenti free della piattaforma e il motivo, spiegando dall’azienda, è molto semplice: se le autorità lo richiederanno, Zoom fornirà l’accesso a quelle chiamate.

La conferma è arrivata dal CEO di Zoom, Eric Yuan, nel corso di un incontro con gli investitori:

Crediamo che questa funzionalità debba far parte della nostra offerta. Non vogliamo darla agli utenti free perchè vogliamo anche lavorare insieme all’FBI e le autorità locali di polizia nel caso in cui alcuni utenti utilizzino Zoom per scopi dannosi.

Zoom era già stato travolto qualche settimana fa da un’ondata di polemiche relative alla sicurezza e la conferma che le chiamate e videochiamate effettuate da utenti non paganti non saranno protette come quelle degli utenti premium spingerà sicuramente chi non è disposto a sottoscrivere un abbonamento a rivolgersi altrove.

Ti potrebbe interessare