QR code per la pagina originale

L’alimenti Amazon: gli altri che faranno?

Amazon venderà alimenti e prodotti per la casa, in concorrenza coi supermercati: come cambierà un comparto che per molti anni è stato sempre lo stesso?

,

Ci sono voluti trent’anni per stabilizzare il comparto dei supermercati in Italia. Ce ne potrebbero volere molti meno per cambiare ancora tutto, dopo l’ingresso di Amazon. Il grocery (la spesa del supermercato) è un paniere sociale, un motore economico, non c’è praticamente nessuno che non la faccia almeno una volta ogni tanto. Ora che un colosso dell’ecommerce venderà prodotti alimentari e per la casa come reagiranno gli altri? Lo spiega il presidente di Netcomm, Roberto Liscia.

Il negozio di Amazon.it è una specie di minimarket online che prende il click and collect dei supermercati italiani -il massimo raggiunto finora in termini di innovazione: ordinare online e ritirare presso il punto vendita – e lo fa sembrare di punto in bianco archeologia del commercio. Dalle strategie difensive, quindi, probabile che i supermercati passeranno a iniziative concorrenziali. D’altra parte secondo l’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm-Politecnico di Milano il comparto alimentare è nel 2015 uno dei settori più dinamici nel panorama eCommerce italiano con 200 milioni per grocery e 260 milioni per l’enogastronomico. Crescono del 27% rispetto al 2014.

Roberto Liscia: formarsi per reagire

Il presidente di Consorzio Netcomm era ovviamente a conoscenza delle strategie di Amazon e conosce bene la realtà dell’eCommerce italiano che da questa novità sarà senza dubbio coinvolta. Prendendo spunto dall’analisi degli Osservatori del Politecnico di Milano, considera il fermento quasi startup dei presidi territoriali, delle nicchie di mercato legate al cibo, come perfettamente integrate a un sistema più grande, ma quando si parla di grocery online la verità è che prima dell’ingresso di Amazon l’Italia era in ritardo.

Quanti italiani comprano pasta e caffè online? Alzi la mano chi ne conosce qualcuno…

Al contrario di altri settori, il grocery non è riuscito ad organizzarsi in maniera adeguata: dal nostro indice mensile che monitoriamo con Human Highway, negli ultimi tre mesi, gli acquisti online nell’alimentare rappresentano solo l’1,2%, fanalino di coda dell’intero eCommerce italiano.

Dunque pensa che l’ingresso di Amazon sia salutare?

Amazon oggi va a colmare un vuoto nell’offerta: velocità, puntualità, delivery sono stimoli per la piccola, media e grande distribuzione organizzata italiana che deve reimpostare la propria strategia distributiva.

Roberto Liscia, presidente di Netcomm.

Roberto Liscia, presidente di Netcomm.

Veniamo a questa strategia: esempi?

Ne parliamo nelle nostre riunioni e coi nostri associati. In sostanza ci sono tre strategie concorrenziali da mettere in campo: la prima è fornire servizi aggiuntivi al tuo prodotto; la seconda è trovare nuovi clienti; la terza è puntare di più ai mercati internazionali se hai un prodotto con un brand made in Italy.

Tutte strategie che comportano investimenti, sforzi manageriali…

Indubbiamente. Attenzione però, ci sono anche notevoli opportunità. Ad esempio l’offerta tipica dei prodotti Made in Italy continua a soffrire di una restrizione geografica nazionale e anche regionale. Il food italiano deve trovare una strategia multicanale per poter uscire dai propri limiti. E probabilmente anche l’arrivo dell’eCommerce b2c a questi livelli può stimolare il comparto.

Se non altro perché Amazon è anche un marketplace, quindi un partner di questi produttori…

Precisamente.

A quale livello di innovazione si era arrivati all’indomani della novità di Amazon che ora venderà alimenti e prodotti per la casa? Si poteva fare lo stesso anche prima con altre realtà?

Esselunga già lo faceva. E anche qualcun altro. I grandi distributori avevano già notizia dell’arrivo di Amazon e si sono preparati con servizi di consegna a casa, a dire il vero ancora parziali. Questo però dimostra come sia questione soprattutto di formazione, di preparazione tecnica, non manca la capacità nel commercio italiano di comprendere l’importanza dell’eCommerce. Certo, da oggi le mosse non potranno essere più soltanto difensive, e a guadagnarne saranno i clienti.

Si può dire che si conclude un’era commerciale?

È presto per queste affermazioni. Si può dire che finisce l’era in cui il settore dei supermercati si concentrava esclusivamente sull’occupazione fisica dei territori. E quando la logistica è innovata, quando invece dell’in – le merci che riesco a immagazzinare nel mio centro – conta di più l’out – le merci che riesco a portar fuori ovunque le voglia il cliente – cambiano gli equilibri sorti da quella battaglia. Ecco perché la distribuzione digitale è la 3.0: dal negozio al supermercato all’online.

Fonte: Webnews • Notizie su: