QR code per la pagina originale

Google Pixel, ecco come si comporta Night Sight

La funzione Night Sight per Google Pixel, Pixel 2 e Pixel 3 rivoluziona il concetto di fotografia notturna con gli smartphone.

,

Nonostante la presenza di sensori sempre più performanti, scattare fotografie notturne di buona qualità con lo smartphone continua a restare una chimera con molti modelli. Sembra però che Google con i nuovi Google Pixel sia riuscita a compiere un bel salto in avanti grazie a “Night Sight”, una nuova modalità fotografica pensata per rendere al meglio in condizioni di scarsa illuminazione. 

Night Sight non è ancora ufficialmente disponibile, ma pochi giorni fa è trapelata in rete una prima versione APK, non ancora definitiva, dell’app Fotocamera Google con Night Sight che chi possiede uno smartphone Google Pixel con Android 9.0 Pie può già installare e testare.

I risultati di questa nuova Night Sight sono davvero sorprendenti, questo grazie alla combinazione di machine learning, algoritmi e fino a quattro secondi di esposizione. Il primo aspetto che colpisce è che non sarà più necessario utilizzare il flash per scattare fotografie notturne o in presenza di scarsa illuminazione.

Come riportano i ragazzi di The Verge, la differenza fra le fotografie scattate con Night Sight e con modalità standard sono notevoli. Alcune sbavature ci sono, ma ricordiamo che non si tratta di un’app definitiva e comunque il tempo per aggiustare il tiro c’è.

Nella maggior parte delle condizioni testate da The Verge, gli scatti notturni hanno l’aspetto di una fotografia scattata di giorno con un medio livello di “rumore”. Molto importante per rendere più nitina l’immagine la revisione che riesce a compiere Night Sigth grazie al machine learning: in pratica la funzione riesce a rilevare quali oggetti si trovano nell’inquadratura e la camera è sufficientemente intelligente per capire quale colore dovrebbero avere.

Per quanto riguarda la gestione degli oggetti in movimento, Night Sight non sembra comportarsi al meglio in queste condizioni e tutti gli oggetti dinamici risultano sfocati.

Fonte: The Verge • Immagine: Google