QR code per la pagina originale

Tastiera MacBook Pro: iFixit spiega le modifiche

iFixit sta conducendo il primo teardown dei nuovi MacBook Pro: ecco le modifiche previste da Apple per le sue tastiere con meccanismo a farfalla.

,

Apple ha annunciato ieri la nuova generazione dei MacBook Pro, ora disponibili con configurazioni Intel fino a 8 core. Tra le varie novità, anche importanti cambiamenti alle componenti del meccanismo a farfalla delle tastiere, per evitare i malfunzionamenti delle precedenti generazioni dei laptop. iFixit ha già cominciato il teardown di uno dei nuovi dispositivi, illustrando quali modifiche il gruppo californiano abbia implementato per i suoi tasti.

Così come riferisce iFixit, società specializzata nella riparazione casalinga di dispositivi di ogni produttore, le tastiere dei nuovi MacBook Pro presenterebbero delle “sottili modifiche” rispetto alle generazioni precedenti. Parte di questi cambiamenti coinvolgerebbero la guaina in silicone a protezione dei tasti, introdotta a partire dalla terza generazione del meccanismo a farfalla, pensata per evitare l’ingresso di polvere e detriti.

Stando a quanto riferito, la nuova membrana è semi-opaca, è più morbida e soffice rispetto alla guina precedente e potrebbe essere realizzata in una fibra derivata dal nylon. Non è però tutto, poiché oltre allo strato protettivo iFixit ha rilevato novità anche alle piastre metalliche che permettono la pressione dei tasti e, ovviamente, chiudono i circuiti per rilevare la digitazione delle lettere. Queste piastre sembrano essere state sottoposte a un nuovo trattamento, oppure realizzate con metalli diversi, per ottenere una maggiore longevità e una più efficiente elasticità alle sollecitazioni.

Date le novità introdotte, le nuove tastiere dovrebbero superare gli intoppi rinvenuti dagli utenti fino a oggi, come il blocco dei pulsanti o la mancata apparizione delle lettere a schermo. Per questa ragione, i nuovi MacBook Pro non sono inclusi nel piano di riparazione gratuito lanciato pochi giorni da dalla società californiana.

Così come accaduto per le precedenti generazioni, anche il MacBook Pro 2019 raggiunge un basso punteggio di riparabilità, poiché la gran parte delle componenti – come la RAM – è saldata direttamente sulla scheda logica.

Fonte: MacRumors • Immagine: Unsplash