QR code per la pagina originale

Identificare il COVID-19 col Fitbit? Al via lo studio

I dispositivi wearable possono aiutare a identificare i casi di COVID-19? Provano a scoprirlo la Stanford University School of Medicine e Fitbit.

,

Quanto può essere utile la tecnologia wearable nell’identificazione dei casi di positività al nuovo coronavirus COVID-19? È quello che stanno cercando di capire Fitbit, la società statunitense leader nel settore dei dispositivi indossabili, insieme alla Stanford University School of Medicine e lo Scripps Research Institute.

L’obiettivo è tanto semplice quanto ambizioso: “Stiamo cercando di scoprire se i dispositivi indossabili come Fitbit e Apple Watch possono essere utilizzati per tracciare malattie infettive come il COVID-19. Speriamo di essere in grado di prevedere l’arrivo dell’infezione prima ancora della comparsa dei primi sintomi“.

Lo studio richiede la collaborazione di quante più persone possibili e proprio per questo tutti i possessori di un dispositivo Fitbit o Apple Watch sono invitati a partecipare gratuitamente al progetto collegandosi a questo indirizzo, con una predilezione per gli operatori sanitari e i soggetti ad alto rischio di contagio.

Grazie a chi prenderà parte allo studio, gli analisti raccoglieranno in forma anonima dati come la frequenza dei battiti cardiaci, la temperatura della pelle, la saturazione dell’ossigeno nel sangue e tutti quei parametri che possono essere misurati coi Fitbit e gli Apple Watch con l’obiettivo di confrontare quello delle persone positive al COVID-19 e i negativi e provare a confrontare i vari parametri per arrivare a poter prevedere il manifestarsi dei sintomi.

Fitbit ha deciso di fare di più e di donare dei dispositivi indossabili agli operatori sanitari che decideranno di partecipare alla ricerca.

Come fare per partecipare allo studio?

FitBit COVID-19 studio

Chi volesse prendere parte allo studio non deve far altro che collegarsi a questo indirizzo e riempire il questionario.

Ai partecipanti si richiederà di indossare il proprio dispositivo indossabile come sempre, scaricare un’app apposita e riempire quotidianamente un questionario dei sintomi, così da fornire un aggiornamento costante sul proprio stato di salute.

Lo studio, al momento, avrà una durata stimata di 24 mesi e l’impegno dei partecipanti sarà di circa 1 o 2 minuti al giorno, giusto il tempo di rispondere alle domande via web o tramite app.