QR code per la pagina originale

IE10, Do Not Track abilitato di default

Il browser Internet Explorer 10 renderà attiva di default la funzionalità Do Not Track, utile per non lasciare informazioni ai siti Web visitati.

,

La funzionalità “Do Not Track”, atta a far sì che la privacy degli utenti venga rispettata qualora essi decidano di non fornire informazioni personali ai siti Web visitati, sarà attiva in Internet Explorer 10. Ad annunciarlo è la stessa Microsoft, che ha inoltre illustrato come sarà possibile scegliere se ottenere o meno tale funzione all’interno del browser fornito dalla stessa casa statunitense.

In IE10, insomma, sarà possibile attivare e disattivare Do Not Track, con la fase di configurazione iniziale del PC che consentirà di effettuare tale scelta prima di accedere a Windows. In particolare, gli utenti avranno a disposizione due possibilità: da un lato una configurazione standard, la quale attiverà insieme ad altre funzioni anche Do Not Track, dall’altro invece una modalità personalizzata mediante la quale potranno accedere alle singole voci e decidere se abilitarle o meno.

Tale sistema di configurazione sarà visualizzato da ogni utente che accenderà per la prima volta un PC con a bordo Windows 8, mentre per gli utenti in possesso di Windows 7 che decideranno di effettuare l’upgrade ad Internet Explorer 10, Microsoft riserverà una schermata di notifiche avente l’obiettivo di sottolineare all’utente l’attivazione di Do Not Track. In entrambi i casi sarà possibile modificare la propria scelta in corso d’opera, accedendo al menù per la configurazione del browser e disattivando una funzionalità che sarà inoltre ampiamente documentata dall’azienda di Redmond per esser certa che i propri utenti siano a conoscenza quanto meno delle informazioni di base relative al Do Not Track.

La mossa di Microsoft, insomma, colloca l’azienda statunitense in una posizione chiaramente pro-privacy, costringendo in qualche modo gli utenti che non intendono studiare a fondo la vicenda ad una navigazione nel Web che non consegni ai siti ed alle relative aziende più informazioni di quanto sia strettamente necessario. Windows 8, quindi, verrà incontro alle necessità degli utenti anche da tale punto di vista.

Fonte: ZDNET • Via: PCMag • Notizie su: