QR code per la pagina originale

Twitter: conversazioni più facili da seguire

Twitter ha rivisto la gestione delle conversazioni all'interno del social network per migliorarne l'accesso e l'usabilità

,

Twitter ha svelato una nuova funzionalità che consentirà di seguire più facilmente le conversazioni sul web. Il social network ha voluto, infatti, mettere un po’ di ordine all’interno delle discussioni per aiutare gli utenti a non perdere il filo all’interno delle conversazioni più articolate e ricche di botta e risposta. Sino ad oggi, infatti, le conversazioni erano organizzate solamente in ordine cronologico e seguire i tweet più popolari o le risposte ad un messaggio specifico all’interno di una conversazione era spesso un’impresa molto ardua.

Un problema ben noto che però è stato più volte ammesso da Twitter. Adesso, finalmente, arriva la svolta. I post all’interno di una conversazione saranno collegati assieme con l’ausilio di una linea e le conversazioni mostreranno di default solo i tweet più rilevanti. Gli utenti potranno poi espandere l’intera conversazione, per visualizzare tutti i post, semplicemente cliccando su “visualizza le altre risposte” proprio come si fa oggi per espandere una conversazione all’interno della propria timeline. Questa scelta consentirà sicuramente al social network di risultare maggiormente accessibile andando così ad offrire ai suoi utenti una migliore esperienza d’uso.

Twitter, nuova gestione conversazioni

Twitter, nuova gestione delle conversazioni (immagine: Twitter).

Del resto, Twitter sta tentando tutte le strade pur di rendere la sua piattaforma di maggiore appeal. Come noto, infatti, il social network non cresce quanto molti analisti speravano, soprattutto se confrontato con altre piattaforme come Facebook. Questa nuova funzionalità rientra, dunque, nella strategia di Twitter di voler offrire ai suoi utenti nuovi opzioni d’uso ed una migliore usabilità generale della piattaforma.

La nuova gestione delle conversazioni sarà disponibile a partire da oggi sul web e molto presto anche all’interno delle app mobile.

Fonte: Twitter • Via: Cnet • Immagine: rvlsoft via Shutterstock • Notizie su: