QR code per la pagina originale

Gmail: da Google la casella di posta da 1Gb

Un archivio grande 1Gb ed una gestione delle mail affidato alla qualità degli indicizzatori Google. Il tutto gratuitamente, con il solo inserimento di piccole promozioni in forma testuale. Google è ancora e sempre la lepre del gruppo.

,

Larry Page and Sergey Brin, i due studenti che nel 1998 fondarono il motore di ricerca Google, hanno dato battesimo al nuovo servizio Gmail. Disponibile al momento solo in versione test, e senza possibilità di registrazione, Gmail è una casella di posta avente due peculiarità che la renderanno sicuramente appetibile a molti utenti:

  1. Uno spazio a disposizione pari a ben 1 Gb;
  2. La possibilità di effettuare ricerche tra le mail archiviate.
Google risponde al pressante attacco di Yahoo! e Microsoft sul mercato dei motori di ricerca. Lo spazio a disposizione è primo grande colpo messo a segno dal nuovo servizio. Sotto questo profilo Google supera di gran lunga servizi analoghi quali Yahoo! e Hotmail, fermi al momento rispettivamente appena a 2 e 4 Mb (fatta eccezione per i servizi a pagamento). All’atto della presentazione di Gmail è scaturito come i costi derivanti dalla gestione dello spazio saranno di circa 2$ per ogni Gb, costi che Google intende coprire tramite l’inserimento di promozioni testuali all’interno del servizio. A proposito di ciò, la promessa è fatta: niente pop-up, nessun banner.

L’idea, come spiega la responsabile Google Wayne Rosing, è quella di una «casella di posta permanente» ove tutto è indicizzabile ed all’interno della quale è possibile archiviare e gestire una quantità ingente di dati. Sotto questo profilo la qualità del software Google non potrà che essere la maggior garanzia ad un efficiente sfruttamento dell’archivio.

Al momento non è previsto il supporto POP3, dunque le mail saranno consultabili solo tramite web. Google specifica come sarà garantito un accesso ottimale per browser quali Microsoft IE 5.5 e successivi (Windows), Netscape 7.1 e successivi, Mozilla 1.4 e successivi, Mozilla Firefox 0.8 e successivi (Windows, Macintosh, Linux).