Sblocco dei core con chipset AMD 800: questione di reputazione

I più fortunati possessori di una scheda madre con chipset AMD serie 700 possono sbloccare uno o due core nei processori Phenom II X2 e X3 grazie alla funzionalità ACC presente nel BIOS.Con l’introduzione della nuova serie 800, a partire dal chipset AMD 890GX, non è più supportato il core unlocker, anche se diversi produttori

I più fortunati possessori di una scheda madre con chipset AMD serie 700 possono sbloccare uno o due core nei processori Phenom II X2 e X3 grazie alla funzionalità ACC presente nel BIOS.

Con l’introduzione della nuova serie 800, a partire dal chipset AMD 890GX, non è più supportato il core unlocker, anche se diversi produttori (tra cui ASUS) hanno implementato tecnologie che permettono di ottenere lo stesso risultato.

Finalmente AMD ha ufficializzato il motivo che ha portato all’eliminazione di questa funzionalità dai suoi chipset. In pratica, si tratta di una questione di reputazione.

Diversi utenti e assemblatori, dopo aver effettuato lo sblocco dei core, si trovavano con sistemi instabili o non funzionanti; inoltre, nei paesi in via di sviluppo, esiste un mercato nero dove vengono vendute CPU “truccate”. Per evitare un danno alla sua immagine, il chipmaker di Sunnyvale ha dunque deciso di impedire lo sblocco nei nuovi chipset.

In questo modo, le responsabilità di eventuali problemi ricadono tutte sui produttori di schede madre che hanno già trovato soluzioni alternative, come un BIOS specifico per ASUS o un chip discreto per Gigabyte.

Ti potrebbe interessare
GMail fa concorrenza a Skype: telefonate gratis e a tariffe ridotte
skype

GMail fa concorrenza a Skype: telefonate gratis e a tariffe ridotte

Prima si poteva chiamare soltanto con il telefono. Poi, utilizzando Internet, chattare o parlare con chi era in linea insieme a te, magari tramite il tuo servizio di posta elettronica. A Mountain View hanno pensato di compiere l’ultimo passo e trasformare il servizio Voice e Chat di GMail in un vero VoIP come Skype.

L’Antitrust multa Tiscali per il blocco della portabilità
Prezzi e tariffe

L’Antitrust multa Tiscali per il blocco della portabilità

Tiscali come Telecom e tante altre. No, non è una frase positiva, ma assolutamente negativa perché il provider sardo è stato multato per blocco della portabilità, una prassi che sta diventando di moda (purtroppo per noi) tra i provider nostrani.L’Antitrust ha dunque condannato Tiscali a pagare “50.000 euro di multa”, una cifra tutto sommato modesta