QR code per la pagina originale

Honor Magic 2, nuova versione con scanner 3D

Il produttore cinese ha svelato una nuova versione di Honor Magic 2 con uno scanner 3D a luce strutturata che riconosce il volto anche al buio.

,

Honor Magic 2 è stato presentato in Cina a fine ottobre 2018. Il produttore ha ora presentato una versione aggiornata con uno scanner 3D frontale che riconosce il volto anche al buio. Le altre specifiche dello smartphone sono rimaste invariate, ad eccezione dello storage.

Honor Magic 2 possiede uno schermo AMOLED da 6,39 pollici con risoluzione full HD+ (2340×1080 pixel) e rapporto di aspetto 19.5:9. Per incrementare lo screen-to-body ratio (91,5%) è stato scelto un design slider. Per accedere alle tre fotocamere frontali è necessario scorrere il display verso il basso. La fotocamera principale da 16 megapixel è affiancata da due fotocamere da 2 megapixel che vengono utilizzate per il riconoscimento facciale 3D. La nuova versione dello smartphone ha un quarto sensore. Si tratta di uno scanner a luce strutturata che crea una mappa 3D del volto rilevando 10.000 punti, in modo simile alla TrueDepth degli iPhone.

Altre differenze rispetto al modello standard sono l’uso del Face Unlock anche per alcune app e la presenza di 512 GB di storage. La dotazione hardware comprende inoltre il processore Kirin 980, 8 GB di RAM, tre fotocamere posteriori con sensore RGB da 16 megapixel (obiettivo con apertura f/1.8), sensore monocromatico da 24 megapixel (obiettivo con apertura f/1.8) e sensore RGB da 16 megapixel (obiettivo grandangolare con apertura f/2.2).

Sono inoltre presenti il lettore di impronte digitali in-display, la porta USB Type-C, i moduli WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS dual band, NFC e LTE (dual SIM) e la batteria da 3.500 mAh che supporta la ricarica rapida Super Charge (40 Watt). Il sistema operativo è Android 9 Pie con interfaccia EMUI 9. Il prezzo dello smartphone è 5.799 yuan, pari a circa 765 euro. Al momento non ci sono informazioni sull’eventuale distribuzione europea.

Video:MWC 2016: Samsung, intervista ad Alessio Cazzaniga