QR code per la pagina originale

Google Gboard, riconoscimento vocale anche offline

La tastiera Google Gboard, utilizzata da tantissimi utenti Android e iOS, riceve un importantissimo aggiornamento relativo al riconoscimento vocale

,

La tastiera Google Gboard, utilizzata da tantissimi utenti Android e iOS, riceve un importantissimo aggiornamento relativo al riconoscimento vocale per la funzione di scrittura su dettatura.

La possibilità di scrivere del testo semplicemente dettandolo tramite la Google Gboard è reso possibile grazie all’intelligenza artificiale di bigG. Feature però attivabile solamente in presenza di una connessione ad internet. Almeno fino ad oggi.

Sul proprio blog ufficiale, infatti, il colosso di Mountian View ha fatto sapere che, a partire da oggi, la funzione sarà disponibile anche in assenza di connessione.

C’è poco da esultare però in Italia, visto che questa novità – per ora – è disponibile solamente in lingua inglese e solamente sui dispositivi della linea Pixel. L’operazione di riconoscere la voce dell’utente, elaborarla e convertirla in testo scritto è infatti molto complessa, basata sull’utilizzo delle reti neurali e quindi difficile da eseguire per uno smartphone senza l’ausilio di Google che si occupa, da remoto sulla “nuvola”, di gestire il tutto.

Per questo motivo, la funzione ha sempre avuto un certo ritardo nella sua elaborazione del testo, ritardo che Google è riuscito a ridurre di molto grazie alla possibilità di far compiere l’operazione direttamente allo smartphone, offline quindi. Riducendo quindi il modello di riconoscimento vocale a soli 80 MB, questo può ora essere tranquillamente essere memorizzato sullo smartphone.

Ora questo modello lavora analizzando un singolo carattere, quindi le parole pronunciate vengono scritte lettera per lettera, proprio come se un utente in carne ed ossa stesse scrivendo fisicamente sulla tastiera.