QR code per la pagina originale

Ring traccia gli utenti tramite app Android

La EFF ha scoperto che l'app Ring per Android invia numerose informazioni sensibili a quattro servizi di terze parti senza il consenso degli utenti.

,

La Electronic Frontier Foundation (EFF) ha scoperto che l’app Ring per Android raccoglie e invia numerosi dati sensibili a tracker di terze parti. In pratica, i dispositivi dell’azienda acquisita da Amazon nel 2018 non servono solo per sorvegliare il vicinato, ma anche per sorvegliare gli stessi clienti. Ring aveva già ricevuto numerose critiche perché fornisce le riprese video alle forze di polizia.

Per controllare da remoto le videocamere di sicurezza e i videocitofoni, come il Ring Door View Cam, gli utenti devono installare l’app Ring sullo smartphone. La EFF ha testato la versione 3.21.1, scoprendo che vengono inviate numerose informazioni a quattro aziende di terze parti: Facebook, Branch, AppsFlyer e MixPanel. I dati permettono di creare un profilo degli utenti senza un loro consenso esplicito.

Tramite la Graph API, Facebook riceve un avviso quando l’app viene aperta e altre informazioni, come il modello del dispositivo, la lingua, la risoluzione dello schermo e un identificatore unico, anche se l’utente non ha un account sul social network. Branch riceve invece diversi identificatori, il modello di dispositivo, la risoluzione dello schermo e il suo indirizzo IP.

AppsFlyer riceve il maggior numero di dati. Oltre agli avvisi per ogni avvio, l’app Ring invia il nome dell’operatore mobile e i dati dei sensori (accelerometro, giroscopio e magnetometro) con le corrispondenti impostazioni di calibrazione. MixPanel riceve invece le informazioni più sensibili, come nome dell’utente, email, versione del sistema operativo, modello e impostazioni dell’app, incluso il numero di dispositivi Ring installati nell’abitazione. MixPanel è l’unica azienda menzionata tra i servizi di terze parti.

I dati sono inviati dall’app in forma cifrata tramite HTTPS. Sul Google Play Store è ora disponibile la versione 3.22.1, ma non è chiaro se il tracciamento è stato eliminato. Un portavoce di Ring ha dichiarato che i servizi di terze parti permettono di valutare l’uso dell’app e di migliorare le funzionalità. L’uso dei dati è limitato solo agli scopi previsti dal contratto.