QR code per la pagina originale

Coronavirus, picco di utenti per Steam

Grazie alla quarantena per limitare la diffusione del coronavirus, Steam ha battuto il record di utenti contemporanei lo scorso fine settimana.

,

Il coronavirus sta costringendo milioni di cittadini in tutto il mondo a rimanere nelle proprie abitazioni per evitare la diffusione dell’agente patogeno. Come molti altri servizi, Steam sta traendo grande beneficio da questo. La piattaforma digitale di Valve ha infatti battuto il record storico per “utenti collegati simultaneamente nelle ultime 24 ore”: durante lo scorso fine settimana, l’asticella avrebbe superato la soglia dei 20 milioni.

È la prima volta che Steam raggiunge un traguardo simile. Quasi 6,4 milioni di utenti stavano giocando attivamente. La piattaforma dedicata ai giochi PC è solita superarsi piuttosto frequentemente, a dire il vero: lo scorso record risaliva a poco più di un mese fa, quando per la prima volta erano stati raggiunti i 19 milioni di utenti contemporanei.

I giocatori si sono perlopiù cimentati in vecchi titoli: Counter-Strike: Global Offensive ha raggiunto un picco assoluto di 1.024.845 utenti simultanei, diventando il gioco più popolare durante il fine settimana, mentre Dota 2 e PUBG lo hanno seguito rispettivamente con 701.632 e 515.050 giocatori. La diffusione del coronavirus non sta mostrando segni di rallentamento in gran parte del mondo, quindi è probabile che Steam beneficerà ancora di questa situazione. Non è escluso, allora, che superi ulteriormente il record. D’altro canto gli Stati Uniti hanno da poco iniziato ad adottare misure restrittive per negozi e cinema, quindi c’è la possibilità che il bacino di utenza di Steam si allarghi ulteriormente nei prossimi giorni.

Come accennato sopra, la piattaforma di Valve non è l’unica a crescere in questo periodo di crisi mondiale: anche Netflix pare stia traendo beneficio da tale situazione, con tantissimi utenti che cercano di ingannare la noia guardando film e serie TV sul servizio.