QR code per la pagina originale

Google Chrome, due avvisi per segnalare siti HTTP

Google Chrome introdurrà due avvisi per comunicare agli utenti che si stanno per addentrare in un sito web non protetto.

,

Google Chrome si prepara a rendere ancora più sicure le informazioni dei suoi utenti attraverso il suo nuovo aggiornamento (ricordiamo che Google ha in programma di distribuire Chrome 86 il prossimo ottobre). Sebbene il protocollo HTTPS – simboleggiato dalla piccola icona “lucchetto chiuso” alla sinistra della barra URL – crittografi il traffico in modo che terze parti non possano spiare i dati che vengono inviati, alcuni siti web apparentemente sicuri (HTTPS appunto) potrebbero comunque ospitare protocolli HTTP non protetti per far inserire agli utenti le loro password e altre informazioni personali.

Così, con Chrome 86, il browser fornirà un paio di utili avvisi ogniqualvolta verrà digitato un indirizzo web che potrebbe essere non sicuro. Stando a quanto riportato in un post sul blog ufficiale di Google, il primo di questi avvisi comparirà proprio sotto la barra URL; il secondo, nel caso in cui l’utente volesse comunque proseguire verso un indirizzo non protetto, chiederà se “è sicuro di voler procedere”. Google disabilita anche la compilazione automatica per questi cosiddetti “moduli misti”, quindi il fatto che le password salvate non si inseriscano automaticamente nel testo dovrebbe essere una terza forma di avviso.

Google in precedenza aveva cercato di avvertire gli utenti di questo problema rimuovendo l’icona del lucchetto chiuso quando rilevava un modulo HTTP, ma la società afferma che “gli utenti hanno trovato questa esperienza poco chiara e non ha comunicato in modo efficace i rischi associati all’invio di dati a protocolli non sicuri”. D’altro canto la piccola icona in alto a sinistra del browser passa spesso inosservata, quindi era prevedibile che Google Chrome facesse prima o poi una mossa in tal senso.