QR code per la pagina originale

Tutta un’altra musica

L'IFPI ha consegnato il report 2009 sulla musica. Ne emerge una realtà sempre più legata al Web, un mondo sempre più pronto ad accogliere alternative valide per combattere la pirateria e gruppi disposti ad investire sul lato social della rete

,

Il 2009 è un anno particolare, lo si è già detto e sentito in ogni salsa, ma c’è un mercato che più di ogni altro vivrà questi 12 mesi come una corsa allo spasimo, come una sfida continua, come un appuntamento da non mancare: il mercato musicale. La musica, infatti, è in preda ad una rivoluzione che si sa quando è iniziata, ma non si sa né a che punto sia giunta, né tantomeno ove intenda portare. Con l’arrivo di iTunes, infatti, il digitale ha iniziato a sovvertire giorno dopo giorno gli ordini precostituiti, sgretolando un download dopo l’altro un castello costruito in anni di musicassette, “mangianastri” ed LP. Giunti alle porte del 2009 l’IFPI (International Federation of Music Phonographic Industry) ha voluto fotografare lo stato dei fatti con un report (pdf che fa il punto della situazione partendo da un elemento sempre e ancora centrale: la pirateria.

Così la FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) presenta il report IFPI 2009: «È stato presentato il rapporto 2009 sulla musica digitale a livello internazionale: nonostante il 95% dei download di musica attraverso la rete sia ancora illegale, il mercato legittimo continua a crescere raggiungendo nel 2008 un fatturato di circa 3,7 miliardi di dollari, con 1,4 miliardi di brani scaricati. Le aziende discografiche hanno adottato nuovi modelli di business, stringendo accordi con partner leaders nel settore del digital content, permettendo così ai consumatori di accedere alla musica in modo sempre più agevole e diversificato».

La presentazione tocca un po’ tutti gli snodi fondamentali affrontati dal documento: un mercato immaturo da misurare; la crescente incidenza della musica digitale nel panorama generale della musica distribuita; la gravità del fenomeno pirata al cospetto della presenza di sempre più soluzioni per l’acquisto legale delle tracce desiderate. La pirateria è il lato negativo della medaglia: una presenza scomoda ed ingombrante, una realtà che le etichette intendono debellare ma contro cui è difficile combattere se non si cercano soluzioni nuove e differenti. I mezzi per combatterla sono vari, e sotto questo aspetto sembra esserci un sostanziale cambio di orizzonte rispetto al passato: la repressione non paga. Poche righe sono dedicate alla RIAA, il braccio armato che ha fatto della minaccia legale il proprio modus operandi predefinito. Ben più spazio, invece, è dedicato alle alternative: iniziative formative in scuole ed università; avvisi e disconnessioni in alternativa alla denuncia; la mediazione dei provider invece delle diffide legali. L’approccio soft sembra essere destinato a sostituire il pugno duro. La carota affiancherà il bastone. C’è molto da fare in tal senso, ma la guerra agli utenti non ha pagato e c’è dunque l’evidente desiderio di tentare qualcosa di nuovo e differente.

Il lato buono della medaglia è invece nei numeri in crescita di quelle che sono le nuove formule di distribuzione in sperimentazione: «Nel 2008 la crescita del digitale è stata del 25%, le nuove piattaforme digitali ricoprono oggi il 20% di tutto il mercato discografico, una crescita del 15% rispetto all’anno precedente. Il download dei singoli brani è anch’esso cresciuto del 25% così come gli album online in aumento del 36%. A livello mondiale la canzone più scaricata è stata “Lollipop” di Lil Wayne’s con 9,1 milioni di download mentre in Italia il primato per il 2008 spetta a Jovanotti con il brano “A te”. Un forte impulso hanno avuto anche nuovi modelli di abbonamento, l’utilizzo di siti di social networking, di streaming e videosharing. Nonostante un’oggetitva crescita del settore digitale, l’industria discografica continua ad essere danneggiata dal fenomeno della pirateria che di fatto impedisce uno sviluppo più rilevante del mercato dell’online. Nel rapporto si auspica infatti anche una più incisiva collaborazione con gli ISP Providers al fine di diffondere una maggiore cultura della legalità, contenere il fenomeno della pirateria e spingere sempre più l’accelleratore sullo sviluppo legale della musica liquida».

Notizie su: