QR code per la pagina originale

iPhone e iPod Touch nuovi strumenti di guerra

L'esercito USA ha trovato nei terminali Apple dei validi alleati per condurre le sue guerre. Gli iPod Touch e gli iPhone saranno sempre più utilizzati al fronte grazie a nuove applicazioni per l'orientamento, la comunicazione, le azioni belliche al fronte

,

Gli iPod Touch e gli iPhone potrebbero presto diventare i nuovi alleati delle forze militari statunitensi nelle principali aree di guerra come Iraq e Afghanistan. Versatili e semplici da utilizzare, i dispositivi prodotti da Apple sono tenuti fortemente in considerazione da parte dell’esercito degli Stati Uniti, impegnato nell’implementazione di nuove soluzioni tecnologiche per consentire ai propri soldati di interagire maggiormente con i civili evitando incomprensioni e ostilità.

Secondo un recente articolo pubblicato sulla versione online della rivista Newsweek, la forze armate statunitensi potrebbero definitivamente scegliere gli iPod Touch e gli iPhone come dispositivi per la gestione della guerra attraverso un network digitale. L’adozione di dispositivi commerciali, al posto dei tradizionali terminali sviluppati specificamente per l’esercito, costituirebbe un forte segno di discontinuità con il passato. Le soluzioni mobili di Apple consentirebbero non solo di accorciare i tempi per l’adozione di nuovi terminali da utilizzare al fronte, ma anche di risparmiare notevoli quantità di denaro grazie ai costi contenuti di un prodotto realizzato in serie e già affermato sul mercato.

Le capacità legate alla connettività e la possibilità di installare nuove applicazioni, potrebbero rendere gli iPod Touch e gli iPhone molto utili al fronte per coordinare e assistere le attività dei militari. Inoltre, grazie alla loro ampia diffusione, i due terminali Apple sono ormai molto conosciuti e utilizzati da un alto numero di soldati, che ne conoscono l’interfaccia e le semplici modalità di utilizzo. «Un iPod potrebbe essere tutto ciò di cui hanno bisogno» per gestire le attività al fronte, secondo il Tenente Colonnello Jim Ross, responsabile dell’Army’s Intelligence, Electronic Warfare and Sensors Operations di Fort Monmouth (New Jersey, USA).

Alcune specifiche applicazioni, appositamente realizzate per l’esercito, potrebbero consentire ai soldati di ottenere frasi, anche in formato audio, per confrontarsi con le popolazioni civili scongiurando la possibilità di fraintendimenti durante le operazioni nelle aree di guerra. Le difficoltà comunicative hanno portato nel corso degli ultimi anni a episodi anche gravi sia in Iraq che in Afghanistan, con soldati incapaci di farsi comprendere dai civili che spesso non vedono con favore la presenza di truppe straniere nei loro territori.

Notizie su: ,