QR code per la pagina originale

Un trimestre senza crisi per Amazon

La trimestrale di cassa di Amazon è all'insegna di una forte crescita dei ricavi grazie alla tenuta delle vendite nonostante la crisi economica. La società registra un reddito operativo pari a 251 milioni di dollari e ricavi per oltre 5,4 miliardi

,

Nonostante il perdurare degli effetti della crisi economica, Amazon continua a macinare risultati molto positivi grazie agli alti volumi di vendite. Nel corso del terzo trimestre dell’anno in corso, la società ha raggiunto ricavi per 5,45 miliardi di dollari, con un aumento del 28% rispetto al medesimo periodo di riferimento nel 2008, quando furono registrati circa 4,26 miliardi di dollari. Un risultato al di sopra della maggior parte delle stime fornite nel corso delle ultime settimane dagli analisti e tale da confermare la buona salute del colosso specializzato nell’ecommerce.

Il reddito operativo è così aumentato del 68% portandosi a quota 251 milioni di dollari nel corso del terzo trimestre rispetto al 2008, quando la società registrò una cifra intorno ai 154 milioni di dollari. Tale condizione ha influito positivamente sull’utile netto che ha toccato i 199 milioni di dollari, ben distante dai 118 milioni di dollari rilevati nel terzo trimestre del 2008. La crescita degli utili su base annua è dunque pari al 68%.

«Kindle è divenuto il miglior articolo sia sul fronte delle unità vendute che dei dollari ricavati, non solo nel comparto del nostro store legato all’elettronica ma in tutte le categorie di prodotti offerti su Amazon.com. È inoltre l’oggetto più desiderato e regalato. Siamo grati ai clienti ed entusiasti della loro risposta. All’inizio di questa settimana abbiamo avviato le consegne dell’ultima generazione di Kindle. Il suo sistema 3G funziona ora negli Stati Uniti e in 100 altri paesi, e abbiamo da poco diminuito il prezzo portandolo a 259 dollari» ha dichiarato con soddisfazione Jeff Bezos, il celebre fondatore e CEO di Amazon.com.

I dati sulle notevoli prestazioni di Amazon nel corso del terzo trimestre 2009 sono stati accolti molto positivamente dai mercati azionari. Il titolo della società ha raggiunto un +14,8% nel corso delle contrattazioni After Hours, portando il valore di ogni singola azione intorno ai 93,45 dollari.

La scelta di ribassare ulteriormente Kindle potrebbe consentire alla società di incrementare le vendite del proprio celebre ebook reader. La decisione di ridurre il prezzo è stata assunta in seguito al debutto sul mercato di Nook, il primo lettore di libri digitali distribuito dalla catena di librerie Barnes & Noble. Il nuovo dispositivo ricorda molto Kindle, ma offre alcune soluzioni innovative come la presenza di due display indipendenti (uno “E Ink” e uno touchscreen a colori) per la gestione dei contenuti sul lettore. Riducendo il prezzo del suo Kindle, Amazon mira dunque ad arginare la crescita del suo nuovo concorrente.

Con l’intento di incrementare anche le vendite dei singoli ebook, Amazon ha annunciato l’imminente arrivo di Kindle for PC, un nuovo applicativo che consentirà di leggere i libri in formato elettronico acquistati sul suo store direttamente sui personal computer senza dover per forza acquistare un Kindle. Il software comprende buona parte delle funzionalità offerte dal lettore per gli ebook vero e proprio e potrebbe rivelarsi una valida soluzione per incentivare il successivo acquisto di un Kindle da parte degli utenti.

Notizie su: