QR code per la pagina originale

OneRiot, il lato real-time di Yahoo

Yahoo sta per dare il via ad un progetto sperimentale che, in collaborazione con la piccola OneRiot, porterà sul motore di ricerca i risultati del gruppo partner. Così facendo Yahoo porta il real-time sul proprio motore così come già fanno Google e Bing

,

Yahoo ha deciso di seguire la strada già percorsa da Microsoft e Google nel mondo del real-time. &EgravE; questa una dimensione nuova, e tutta da esplorare, per i motori di ricerca: i flussi dei link istantanei sono quelli provenienti dal mondo “social” (Twitter, Facebook ed altri). Ma mentre Bing e Google porteranno tra i propri risultati contenuti concordati direttamente con i social network interessati, Yahoo farà leva sulla mediazione di OneRiot.

OneRiot è una piccola start-up che ha fatto dell’aggregazione la propria mission aziendale. Il gruppo porta all’interno di un solo calderone materiale proveniente da Twitter, da Digg e dalla community dello stesso OneRiot: tali informazioni, a loro volta, potranno giungere su Yahoo secondo le modalità che il gruppo deciderà di implementare. Ad oggi OneRiot è un sito relativamente piccolo con 3 milioni di utenti e 27 milioni di dollari raccolti per finanziare la propria attività. Secondo quanto trapelato non sussistono accordi di revenue sharing con Yahoo, dunque è ipotizzabile in prospettiva una acquisizione del progetto come forma di remunerazione per il contenuto fagocitato dai server di Sunnyvale.

Yahoo andrà quindi a comporre sulle proprie pagine una sorta di mashup tra i risultati di Bing (una volta formalizzato ed approvato l’accordo con Microsoft, sarà proprio Bing a fornire i risultati delle SERP di Yahoo) e quelli di OneRiot. L’inclusione del flusso “real-time” non sarà automatica, ma determinata dalle scelte di Yahoo (limitando presumibilmente tale opzione alle query di maggior risalto). Il progetto, inoltre, non verrà lanciato sul mercato coinvolgendo l’intera community Yahoo, ma prevedendo almeno inizialmente una esposizione limitata al 10% delle query composte.

La partnership tra Yahoo e OneRiot è stata inizialmente segnalata dal Wall Street Journal confermando alcuni rumor in auge ormai da settimane. Il progetto dovrebbe prendere il via ufficiale entro pochi giorni e, secondo PaidContent, Yahoo avrebbe descritto la natura sperimentale del tutto spiegando come «il test abbia l’obiettivo di scoprire se mostrare questo tipo di contenuti possa essere utile».

Notizie su: