QR code per la pagina originale

Windows Intune: il cloud computing per aziende

Microsoft ha reso disponibile la seconda Beta di Windows Intune, il nuovo strumento pensato per le aziende che necessitano di centralizzare la gestione del proprio comparto macchine. Il tutto in maniera semplice, e mirata al risparmio economico

,

Microsoft si tuffa nel cloud computing destinato alle aziende: durante il Worldwide Partner Conference, conferenza che il colosso di Redmond tiene ogni 12 mesi con le società che hanno legato il proprio nome a quello di Microsoft, è stata annunciata l’apertura al pubblico della seconda versione Beta di Windows Intune, che presenta inoltre alcune nuove funzionalità che lo rendono ancora più completo e funzionale.

Windows Intune è il nome dello strumento che Microsoft ha pensato per agevolare la gestione delle reti di calcolatori nelle aziende che utilizzano Windows 7 come sistema operativo. Lo scopo principale è quello di semplificare le procedure di aggiornamento e gestione di ogni singola macchina, garantendo un livello di sicurezza uniforme in tutto l’ambiente di lavoro, e permettendo agli amministratori di sistema di risparmiare tempo. Grazie ad una semplice console sarà possibile comandare ogni singola macchina, oppure eseguire su ognuna determinate operazioni.

Proprio questa caratteristica rappresenta l’ultima novità introdotta da Microsoft: una console multi-utente che, tramite un’unica schermata, permette di controllare ogni postazione collegata alla rete locale ed amministrarla. In questo modo, spendendo pochi dollari al mese per usufruire dei servizi Intune su ogni macchina, sarà possibile risparmiare cifre anche piuttosto considerevoli, che ogni anno le società spendono per tenere sempre a lucido i propri computer aziendali.

Altro aspetto importante di Windows Intune è la sicurezza: la protezione con il nuovo strumento Microsoft sarà infatti centralizzata e basata sulle potenti funzionalità di Microsoft Malware Protection Engine. Ma non solo: con Intune sarà più semplice realizzare un inventario delle componenti hardware dei singoli PC, allo scopo di poter ottimizzare anche le operazioni di riparazione. In caso di problemi software, invece, un intervento da remoto potrà mettere a posto il tutto, indipendentemente da dove è collocata fisicamente la macchina.

Tramite il Windows Team Blog sono giunte importanti informazioni riguardo la possibilità di testare questa versione Beta e il piano previsto per il rilascio finale. Se la prima apertura al pubblico ha visto la disponibilità di 1000 account, la seconda Beta di Intune arriva a quota 10000, allargando il bacino di utenza a nuovi stati come Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Italia. La versione completa di Intune, però, non sarà disponibile prima degli inizi del 2011.

Novità in arrivo anche per i costi: ad un prezzo mensile di 11 dollari per computer sarà possibile sottoscrivere un unico pacchetto che includerà le funzionalità di gestione ed una serie di strumenti di protezione – antivirus e antispyware – per migliorare la sicurezza della rete locale, e la possibilità di aggiornare a Windows 7 il proprio comparto informatico. Aggiungendo un dollaro alla sottoscrizione mensile per ogni computer sarà possibile inoltre ottenere tutti i vantaggi provenienti dal Microsoft Desktop Optimization Pack, una serie di tool che incrementano le funzionalità di Intune.

Notizie su: