QR code per la pagina originale

Bing cresce a discapito di MSN

Microsoft sacrifica la pubblicità su MSN per inserire link che portano a Bing, ma gli advertiser si lamentano: il passaggio non sarà indolore

,

Bing sta crescendo e Microsoft è fortemente intenzionata a puntare sul suo motore di ricerca per il futuro. Per arrivare all’obiettivo che si è proposta, l’azienda di Redmond sembra peraltro essere disposta a sacrificare anche il proprio portale MSN.

Secondo alcune indiscrezioni emerse nelle ultime ore, Microsoft starebbe utilizzando il suo portale di messaggistica istantanea per spingere il traffico su Bing, cosa che non sarebbe stata per nulla di gradimento ai partner interni che inseriscono la pubblicità su MSN. Nel corso del trimestre appena trascorso, il colosso ha infatti inserito una miriade di link verso Bing nelle chat e nell’homepage di MSN, il che ha dato il via a varie polemiche e alcuni disagi a coloro che avevano piazzato le proprie pubblicità sul servizio. BermanBraun e i suoi vari progetti, cosi come Wondewall e Glo, si sono lamentati con Microsoft, e quest’ultimo si è anche preoccupato di recarsi di persona al quartier generale di Redmond per cercare di porre rimedio alla situazione. La ricucitura dei rapporti, tra l’altro, sembra attualmente piuttosto critica

In totale, i link che portano su Bing sono aumentati nell’ultimo trimestre dal 20% al 50% e la quota è destinata a crescere ulteriormente. D’altro canto, MSN conta attualmente 600 milioni di utenti, dunque all’interno del colosso vedono il servizio di messaggistica istantanea come una grossa occasione da sfruttare per aumentare la percentuale di coloro che utilizzano il motore di ricerca. La concorrenza con Google e Yahoo si fa sempre più agguerrita, ma la guerra è iniziata anche all’interno della Microsoft stessa.

L’obiettivo è quello di traslare nel modo più indolore possibile l’utenza MSN verso Bing. Ma è questo un trasloco destinato a lasciare sul campo qualche ferita.

Fonte: AD Week • Notizie su: