QR code per la pagina originale

Google Translate arriva sull’iPhone

L'applicazione per la traduzione di parole e frasi arriva finalmente sugli iPhone. Finora era disponibile solo la versione HTML5.

,

Google ha annunciato la disponibilità dell’applicazione Google Translate per iPhone. Finora gli utenti dello smartphone Apple potevano accedere solo alla corrispondente versione web basata su HTML5. Ad un certo punto sembrava che il gigante di Mountain View non avesse più intenzione di sviluppare app per iOS, ma fortunatamente ha cambiato idea. Dopo Goolge Voice, Latitude e Places, arriva quindi l’app che permette di effettuare la traduzione di singole parole o intere frasi. Anche con diretta interazione vocale.

La versione per iPhone, oltre alla traduzione tra 57 lingue, permette anche di ascoltare le traduzioni in una delle 23 lingue disponibili, utilizzando lo stesso sintetizzatore vocale introdotto lo scorso mese di dicembre per la versione desktop dell’applicazione. La nuova app accetta inoltre comandi vocali in 15 lingue. Prima di pronunciare il testo da tradurre, è sufficiente cliccare sull’icona del microfono posizionata alla destra della casella di testo.

Un’altra utile funzionalità prevede la possibilità di visualizzare a pieno schermo il testo tradotto per agevolare la lettura alla persona con cui si sta comunicando. Altre novità riguardano l’accesso offline alla cronologia delle traduzioni, la visualizzazione dei risultati del dizionario per singole parole o brevi frasi e, infine, la sillabazione della traduzione di lingue di origine non latina (ad esempio, cinese e giapponese) in caratteri latini per la lettura della fonetica del testo.

Google Translate è disponibile per iPhone, iPad e iPod Touch con sistema operativo iOS 3.0 e versioni successive.

Google Translate per iPhone

Google Translate per iPhone

Google offre dunque i suoi servizi anche agli utenti che utilizzano smartphone prodotti dal principale concorrente di Android, anche se nella versione di Google Translate per iOS non è presente la caratteristica che rappresenta probabilmente la vera novità per questo tipo di software. I terminali Android infatti possono essere trasformati in traduttori real time con Conversation Mode: l’utente pronuncia una frase, l’app traduce e l’interlocutore ascolta la frase attraverso gli speakers dello smartphone.

Fonte: Google Mobile Blog • Notizie su: