QR code per la pagina originale

Facebook vuole far commentare tutto il Web

Facebook ha aggiornato il suo plugin dedicato a chi vuole aggiungere un sistema di commenti al proprio sito Web. Novità per utenti e amministratori.

,

Facebook ha rilasciato ufficialmente per il pubblico l’aggiornamento al suo servizio di commenti dedicato a chi gestisce un sito Web. Il social plugin, così Facebook chiama gli elementi che i siti possono includere all’interno di un sito, permette di aggiungere ad una pagina un box con cui gli utenti, per adesso solo se iscritti a Facebook o a un servizio Yahoo!, possono scrivere e pubblicare i propri commenti.

Il social plugin appare così (commentate pure!):

A differenza del sistema utilizzato sinora, il nuovo plugin aggiunge la possibilità di rispondere ad un commento precedente, di approvare un commento di un altro utente (“like”), di segnalare commenti inappropriati. Il flusso di commenti viene ordinato in base all’indice sociale: in alto ci saranno i commenti più approvati o quelli dei propri amici, non i più recenti. Ogni commento può essere pubblicato anche sulla propria bacheca e ricondiviso. Inoltre, quando qualcuno risponde ad un proprio commento, Facebook avviserà della risposta attraverso il suo sistema di notifiche.

Migliorate anche le opzioni per gli amministratori (i “proprietari” della pagina). Da un pannello si può impostare una lista di parole “sensibili” per nascondere i commenti che le contengono, si possono aggiungere moderatori, si può impostare un filtro grammaticale che esegue automaticamente alcune correzioni di base (punto in fine di periodo, lettera maiuscola all’inizio di frase e così via).

Al momento gli  utenti possono utilizzare il Comment Box, così è chiamato il servizio, solamente se si è iscritti a Facebook o a un servizio Yahoo! ma in futuro, dicono dal blog del social network, saranno aggiunti sistemi di autenticazione con altri account. Il codice per integrare nel proprio sito il Comment Box plugin si può ottenere dalla pagina dei social plugin di Facebook.

Fonte: Facebook Developer Blog • Via: Mashbale • Notizie su: