QR code per la pagina originale

WWDC 2011: Apple presenta Lion, iOS 5 e iCloud

Il 6 giugno ci sarà anche Steve Jobs sul palcoscenico della Worldwide Developers Conference 2011 a presentare Mac OS X Lion, iOS 5.0 ed iCloud.

,

Tutti i rumor sono confermati: il 6 giugno prossimo, con l’apertura della Apple Worldwide Developers Conference 2011, il gruppo di Cupertino avrà molta carne sul fuoco. La presentazione coinvolgerà nella fattispecie:

  • Mac OS X Lion, l’ottava versione del sistema operativo;
  • iOS 5 per iPad, iPhone e iPod Touch;
  • iCloud, la nuova gamma di servizi cloud del gruppo.

Altra informazione di tutta importanza è nell’annuncio preventivo del fatto che Steve Jobs sarà sul palcoscenico assieme al team Apple per presentare tutte le novità dell’azienda con un keynote che si preannuncia denso di contenuti. Sebbene il CEO abbia temporaneamente sospeso le proprie attività quotidiane presso il campus di Cupertino ad inizio anno a causa di non meglio precisati problemi di salute, la sua presenza alla WWDC 2011 è confermata e la cosa suona anche come una buona notizia sotto ogni profilo: il ritorno sulla scena indica con tutta evidenza un buon stato di forma, il che taglia via ogni dubbio circa la sua prolungata assenza ed il suo coinvolgimento nelle scelte strategiche dell’azienda.

I biglietti dell’evento sono già andati esauriti da tempo. L’appuntamento è per il 6 giugno presso il Moscone West di San Francisco, quando Apple taglierà il nastro all’evento annuale per gli sviluppatori portando sul palcoscenico tutte le novità del momento. E di novità ce ne saranno molte, perché se iOS 5.0 sarà più che altro l’evoluzione della versione precedente del sistema operativo mobile, Mac OS X Lion dovrebbe sperimentare grosse novità rispetto al passato (con tanto di distribuzione tramite Mac App Store) ed iCloud sarà la ciliegina su una torta già ricca di per sé.

La parte restante dell’evento sarà un concentrato di presentazioni e sessioni tecniche con cui gli sviluppatori potranno approfondire tutte le novità e tutte le opportunità che le nuove release metteranno a disposizione. Sempre che, dulcis in fundo, non spunti inoltre una “one more thing”…

Fonte: Apple • Via: Digital.it • Notizie su: