QR code per la pagina originale

Google, la storia dei Doodle in un click

Google apre un mini-sito che raccoglie tutti i Doodle pubblicati dal 1998 a oggi. Un viaggio interattivo nel mondo dell'idea più elettrizzante della rete

,

I Doodle, immagini interattive che sostituiscono di tanto in tanto il logo Google sulla homepage del celebre motore di ricerca, sono ormai un marchio di fabbrica del colosso di Mountain View, il quale ha anche ricevuto in concessione dalle autorità competenti un apposito brevetto. L’importanza dei Doogle è tale da convincere i vertici dell’azienda ad aprire un mini-sito dedicato che da oggi raccoglie tutti i Doodle mai resi pubblici su Google dal 1998 a oggi.

Un viaggio alla scoperta delle curiose immagini studiate per rappresentare un particolare evento storico o di attualità. Dal 1998, quando erano solo semplici versioni differenti del logo standard, fino al 2009, anno in cui è stato introdotto il primo Doodle interattivo che permetteva di interagire con alcuni dolci per Halloween.

Da lì è partita una serie di Doodle interessanti e alcuni persino pericolosi in ufficio, poiché in grado di distogliere l’attenzione dal lavoro. Si pensi al livello di Pac-Man costruito intorno il logo Google, al filmato dedicato a Charlie Chaplin, agli assoli di chitarra da comporre in memoria di Les Paul e molti altri ancora, tutti caratterizzati dalla capacità di attirare l’attenzione dei visitatori e di lasciarli “incollati” al monitor del proprio computer per diverso tempo.

Google tiene particolarmente alle sue creazioni. Questo mini-sito ne è la dimostrazione, ma lo è altrettanto il fatto che siano ancora tutti perfettamente funzionanti. «Guai a toccarli», si dice in quel di Mountain View, e quindi ecco che è possibile di nuovo mandare l’uomo sullo spazio per la prima volta, assistere alle coreografie di Martha Graham o ammirare il logo “cartoon” di Google dedicato al centesimo compleanno di Mary Blair.

Galleria di immagini: Google Doodles

Fonte: Google Blog • Notizie su: ,