QR code per la pagina originale

Google Latitude per Android sfida Foursquare

Google aggiorna Latitude, il servizio di geolocalizzazione per Android, e introduce la possibilità di ricevere i punti per ogni check-in effettuato.

,

In occasione di un aggiornamento diretto a Google Maps per Android, Google ha introdotto una importante novità legata a Google Latitude, che consente adesso di ricevere i punteggi numerici per i check-in in base a quei luoghi che un utente visita. Trattasi di una novità che rende il servizio Google più simile al concept di base di Foursquare e degli altri servizi di geolocalizzazione simili.

Effettuando dunque con Latitude il check-in in un luogo, si avranno a disposizione uno o più punti che permetteranno di confrontarsi con i propri amici per stabilire chi ha il punteggio più alto. Non manca infatti una schermata adibita alla classifica, sia interamente dedicata al confronto con i propri contatti su Google+ che una globale per tutti gli utenti iscritti al servizio. Per i luoghi visitati per la prima volta si otterranno due punti, mentre per gli altri visitati più volte si otterrà un punto.

Un messaggio all’interno di Google Latitude spiega con chiarezza quanto introdotto: «I tuoi punti possono essere ora visualizzabili dagli altri utenti Google+, così che ora sia più semplice trovare i tuoi amici e trascorrere del tempo insieme. Come sempre, la tua posizione e i check-in sono visibili solamente da chi hai deciso di abilitare». La sfida a Foursquare sembra pertanto tutto fuorché indiretta poiché la sovrapposizione è forte ed evidente.

Secondo quanto riportato nelle prime ore dalla diffusione dell’aggiornamento, non tutti gli utenti sono stati immediatamente abilitati alla nuova funzionalità di Latitude, anche scaricando l’update a Google Maps per Android, e coloro che invece lo sono stati non sono a conoscenza della novità introdotta. Google non ha infatti diramato alcuna comunicazione circa Latitude e l’aggiornamento è stato rilasciato silenziosamente (è presente un solo riferimento praticamente nascosto dentro le FAQ di Google Maps per Android), probabilmente per via del fatto che sono ancora moltissime le feature mancanti affinché lo stesso possa esser considerato un serio concorrente di Foursquare e degli altri servizi di geolocalizzazione simili.

Tra gli elementi introdotti si nota ad esempio la mancanza dei badge differenziati oppure della possibilità di diventare “sindaco” o “presidente” di un luogo qualora un utente effettuasse molteplici check-in. Ma a questo punto, se sfida deve essere, non resta che attendere dettagli ulteriori prima dell’annuncio definitivo.

Fonte: Engadget • Via: PC Mag • Immagine: Hackaday • Notizie su: