QR code per la pagina originale

Samsung ChatON disponibile in versione web-based

Samsung ChatON, il servizio di messaggistica mobile disponibile per piattaforme Bada, Android, BlackBerry e iOS, debutta in versione web-based.

,

Samsung ChatON, il servizio di messaggistica mobile che permette di comunicare con tutti i propri contatti indipendentemente dal dispositivo utilizzato, perché disponibile per piattaforme Bada, Android, BlackBerry e iOS, debutta in versione web-based.

A circa un anno dalla presentazione, l’applicazione ChatON di Samsung – suggeriscono in molti – sta cercando di uccidere i normali SMS, offrendo soluzioni diverse di messaggistica, che adesso potranno essere utilizzate anche tramite computer.

Gli utenti iscritti a ChatON, quindi, possono facilmente comunicare utilizzando l’app attraverso la piattaforma mobile e tramite il browser web: gli account saranno collegati, ma per smartphone ChatON offre maggiori opzioni di messaggistica. Oltre alla possibilità di inviare messaggi brevi ai propri contatti, è possibile avviare conversazioni di gruppo, condividere contenuti multimediali, pagine e grafici dai profili altrui.

Inoltre, Rank Interaction mostra la rete di utenti attivi su ChatON, incentivando la conoscenza di nuove persone attraverso l’app. ChatON supporta le emoticon, come la maggior parte dei servizi di messaggistica presenti, e gli allegati. Ovviamente, i sudcoreani non potevano rimuovere tutte queste opzioni dalla versione web-based, ma in ogni caso risulta molto ridotta rispetto a quella per smartphone.

Per usufruire della nuova versione di ChatON, è necessario scaricare l’applicazione prima sui dispositivi mobile, inserire il proprio numero di telefono per poter inviare e ricevere messaggi e successivamente sarà possibile accedere e conversare anche da altri dispositivi. Per la versione web-based, si riceverà un codice di verifica dopo aver installato il software e tutti i messaggi e contenuti presenti sul proprio smartphone verranno automaticamente condivisi sul proprio desktop, memorizzandoli in una repository denominata Trunk.

Notizie su: ,