QR code per la pagina originale

Con Cube, Google Maps diventa un gioco

Google ha lanciato Cube, un videogioco online ispirato a Maps, il quale permette di girare per le strade delle principali città mondiali in un click.

,

Google Maps sveste per un momento i panni di servizio di cartografia online più utilizzato del Web e si trasforma in un videogame. Il tutto, grazie al lavoro svolto dagli ingegneri della società di Mountain View, la quale ha annunciato la disponibilità di Cube, gioco dedicato proprio a Maps, del quale riprende le mappe di diverse città guidando l’utente attraverso una serie di livelli. Fine ultimo del gioco è quello di raggiungere luoghi ben precisi nel minor tempo possibile.

A frapporsi tra l’utente ed il proprio obiettivo sotto forma di insidia è il traffico, il quale rappresenta un ostacolo da superare per ridurre il tempo necessario a raggiungere il luogo prefissato. Diverse possono essere le soluzioni in tal senso: qualora si debba raggiungere la Torre Eiffel di Parigi, ad esempio, sulla mappa viene  mostrato un nuovo livello legato al traffico stradale, con le linee verdi che rappresentano le vie meno trafficate, mentre nel caso in cui il proprio obiettivo sia recarsi al Big Ben di Londra sarà necessario fare i conti con l’intricato servizio metropolitano offerto dalla capitale inglese.

In un totale di 7 livelli sarà quindi possibile trasferirsi virtualmente in alcune delle città più importanti del mondo, quali San Francisco, Tokyo, New York e Las Vegas, oltre alle già citate Londra e Parigi. Il tutto, semplicemente spostando il puntatore del proprio mouse, permettendo così alla biglia che rappresenta il proprio personaggio di muoversi attraverso le strade e raggiungere così la destinazione prefissata per ogni livello. Al termine di ciascuno di essi verrà mostrato il tempo impiegato per completare la missione, oltre ad alcune informazioni relative a Google Maps.

Per utilizzare Cube è necessario possedere un browser abilitato all’utilizzo della tecnologia WebGL, come ad esempio Chrome, il quale consente di usufruire al meglio di un videogioco annunciato dal colosso delle ricerche ad inizio anno ma giunto online con notevole ritardo a seguito di possibili problemi non meglio specificati dall’azienda.

Commenta e partecipa alle discussioni