QR code per la pagina originale

Google lancia Zavers, per la gestione dei coupon

Ecco il frutto dell'acquisizione di Zave Networks finalizzata nel 2011 da Google: si tratta di Zavers, una nuova tecnologia per la gestione dei coupon.

,

Con un post pubblicato sul blog ufficiale nel fine settimana, Google annuncia il lancio di Zavers, una nuova soluzione dedicata alla gestione dei coupon per ottenere sconti sull’acquisto di beni o servizi, sia online che offline. Al contrario di quanto già visto con altre app o piattaforme dedicate allo scopo, l’obiettivo di bigG è questa volta semplificare le cose sia per chi vende che per gli acquirenti.

I commercianti potranno innanzitutto beneficiare di una tecnologia capace di analizzare in tempo reale il comportamento dell’utenza e i suoi gusti personali. Dal post si legge che “finalmente chi possiede un cane non riceverà offerte su cibo per gatti, mentre ai genitori di un adolescente non verranno più mostrati coupon per i pannolini”. Questo è ovviamente permesso dall’analisi dei dati riguardanti gli iscritti al servizio, al fine di incrementare il ROI (ritorno sull’investimento). Si calcola infatti che nel 2011, solamente negli USA, siano stati distribuiti sconti per 460 miliardi di dollari sotto forma di coupon (l’1% in formato digitale), ma solo il 10% di questi è stato realmente utilizzato.

Google Zavers, un nuovo modo di gestire i coupon attraverso i dispositivi mobile

Google Zavers, un nuovo modo di gestire i coupon attraverso i dispositivi mobile

Uno dei punti di forza di Zavers è rappresentato dalle modalità con le quali gli utenti andranno ad aggiungere gli sconti: non sarà necessario effettuare la scansione di codici a barre o QR come avviene oggi, ma i coupon verranno caricati sul proprio account semplicemente navigando sui siti Web di commercianti o rivenditori, ovviamente dopo aver eseguito il login al proprio account. Per gli acquisti nei negozi, sarà possibile ricorrere in fase di pagamento all’utilizzo del modulo NFC, ormai equipaggiato da tutti gli smartphone di nuova generazione.

Va infine segnalato che non si tratta di un sistema realizzato ex novo da Google: la società di Mountain View ha infatti perfezionato quanto offerto in passato da Zave Networks, società acquisita nel settembre 2011 proprio con l’intenzione di dare vita a progetti di questo tipo. Il servizio è al momento attivo esclusivamente negli Stati Uniti, dove bigG sta prendendo accordi con alcuni partner per favorirne la diffusione.

Commenta e partecipa alle discussioni