QR code per la pagina originale

Facebook testa i post a tempo in stile Snapchat

Il social network ha iniziato a testare una nuova funzionalità che permette di programmare la cancellazione automatica di un post

,

Facebook ha iniziato a testare nella sua App per iOS una nuova funzionalità che permetterà agli utenti di programmare in anticipo la cancellazione automatica di un post. Questo intervallo di tempo può essere impostato tra un’ora e 7 giorni. La novità scoperta da The Next Web e poi confermata dal team di Facebook è tuttavia in test solo su una ristretta cerchia di utenze.

Il social network non è nuovo a queste iniziative che servono non solo a testare le funzionalità di un servizio ma anche a verificarne il gradimento degli utenti per poi decidere se renderlo disponibile per tutti oppure accantonarlo. Se dunque Facebook riterrà che i “post a tempo” siano una funzionalità gradita per la propria utenza, il rilascio sarà globale. Con l’occasione, il social network ha predisposto anche una guida in cui spiega come utilizzare questa particolare funzione. La procedura, per i fortunati che potranno utilizzarla, è molto semplice. Gli utenti dovranno solamente toccare un’icona della forma di un orologio accanto al post e selezionare una data di scadenza tra quelle disponibili.

Facebook testa i post a tempo in stile Snapchat

Il post sarà così condiviso per il periodo di tempo selezionato. Alla scadenza, sarà eliminato automaticamente dal sito e rimosso da Facebook. Non è chiaro però che fine facciano i post cancellati e cioè se vengano davvero rimossi anche dai server di Facebook. Il social network all’interno della guida del servizio specifica che i post saranno rimossi da Facebook ma questo non significa, come è sottolineato tra le linee guida del portale, che i dati siano davvero cancellati dai server.

Questa nuova funzionalità che rende Facebook un po’ Snapchat può andare a rispondere ad alcune particolari esigenze delle utenze, del resto una delle mission del social network è quella di offrire la migliore esperienza d’uso agli iscritti. Si pensi per esempio alla condivisione di messaggi o contenuti multimediali che si vuole lasciare visibili solo per un breve tempo. Oggi, per rimuoverli è necessario farlo manualmente, mentre domani forse si potrà fare automaticamente.