Tesla con AMD per la guida autonoma (update)

Tesla starebbe collaborando con AMD per la creazione di un processore dedicato all’utilizzo per la sua piattaforma di guida autonoma.

Parliamo di

Tesla starebbe lavorando ad un nuovo processore tutto sviluppato in casa in grado di gestire la sua piattaforma di guida autonoma che, secondo il CEO Elon Musk, entro il 2019 dovrebbe rendere le auto davvero capaci di guidare da sole su tutte le strade. L’indiscrezione arriva da CNBC che afferma che l’azienda americana starebbe lavorando in collaborazione con AMD per sviluppare questo nuovo processore da utilizzare per le sue auto a guida autonoma.

Si tratterebbe di una strategia in linea con il recente addio di Chris Lattner che è stato sostituito, come responsabile della “divisione” autopilot, da Jim Keller che ha avuto un passato importante proprio in AMD. Tesla e AMD non hanno commentato quanto riportato da CNBC, tuttavia il rapporto sarebbe stato confermato da Sanjay Jha, CEO di GlobalFoundries, fonderia di semiconduttori nata da una costola di AMD. Inoltre, Tesla avrebbe già ricevuto alcuni prototipi del suo nuovo processore che starebbe già testando.

Curiosamente, questa notizia arriva a poche settimane dalla rivelazione che Tesla ha integrato una piattaforma hardware più potente sulle sue auto per migliorare la capacità di calcolo dell’intelligenza artificiale che sta dietro la piattaforma di guida autonoma.

Per realizzare un’auto davvero capace di muoversi in completo automatismo, serve, infatti, una capacità di calcolo estremamente elevata per poter gestire tutti i dati raccolti dai sensori di bordo. Probabilmente, Tesla sta cercando una soluzione “fatta in casa” per avere maggiore libertà nel realizzare una piattaforma hardware che davvero possa sposarsi al meglio con le sue necessità tecniche.

Attualmente, la società americana lavora con NVIDIA che fornisce la sua piattaforma hardware sviluppata appositamente proprio per la guida autonoma. NVIDIA sta collaborando anche con Toyota, Audi, Volvo ed altri costruttori, sempre per lo sviluppo di soluzione per la guida autonoma.

Update:

A poche ore dall’uscita dell’indiscrezione di CNBC che tirava in causa alcune dichiarazione del CEO di GlobalFoundries, un portavoce dell’azienda ha sottolineato che i commenti del CEO Sanjay all’evento GTC di GlobalFoundries non sono stati riportati in modo accurato.

Nella sua presentazione, Sanjay ha semplicemente citato che aziende come Apple, Google e Tesla sono esempi di imprese che dimostrano interesse a lavorare a stretto contatto con le aziende di silicio per differenziare le loro offerte. Tesla non si è impegnata a lavorare con noi su alcuna tecnologia o prodotto di guida autonoma.

La precisazione di GlobalFoundries, comunque, non rappresenta una smentita sull’indiscrezione complessiva di CNBC. In ogni caso, sullo sviluppo della piattaforma di guida autonoma di Tesla se ne saprà sicuramente di più nel corso dei prossimi mesi.

Ti potrebbe interessare
Viacom cambia strategia
Prezzi e tariffe

Viacom cambia strategia

Sarà forse una mossa dovuta alla crisi o più semplicemente alla voglia di “valorizzare” al massimo i propri contenuti (con l’obiettivo di massimizzare i ricavi ottenuti dalla loro distribuzione), fatto sta che Viacom pare aver cambiato strategia per quanto riguarda la distribuzione via Web dei video di sua produzione e di cui detiene i diritti.Come

Nuove schede madri ECS basate su chipset X48 e P45
chipset motherboard

Nuove schede madri ECS basate su chipset X48 e P45

ECS (Elitegroup Computer System) è in procinto di presentare due nuovi modelli di schede madri basate sul chipset Intel X48 l’una e Intel P45 l’altra.La X48T-A è basata, appunto, sul chipset X48 e sul southbridge ICH9R. È pienamente compatibile con i processori Intel Dual/Quad core e accetta memorie DDR3-1600.Dal punto di vista della dotazione, è

MySpace apre le porte agli sviluppatori
Software e App

MySpace apre le porte agli sviluppatori

MySpace.com aprirà la propria piattaforma agli sviluppatori di terze parti nei prossimi due mesi. Tale decisione conferma le voci secondo le quali anche MySpace intendeva seguire le orme del rivale Facebook, sempre più sulla cresta dell’onda