QR code per la pagina originale

Raccolta chiamate e SMS, la risposta di Facebook

Facebook spiega come e perché ha raccolto i log di chiamate e SMS tramite Messenger e Facebook Lite per Android, ma la risposta non chiarisce tutti i dubbi.

,

Diversi utenti hanno scoperto, dopo aver scaricato la copia di backup nella pagina delle impostazioni, che Facebook registra i metadati di chiamate e SMS. L’azienda di Menlo Park ha smentito che ciò è avvenuto senza un consenso esplicito, affermando inoltre che nessuna informazione è stata venduta a terze parti.

Facebook chiarisce che la raccolta dei log relativi a chiamate e SMS è una funzionalità “opt-in“, quindi l’utente deve attivarla espressamente nelle app Messenger e Facebook Lite. In qualunque momento è possibile disattivare il caricamento continuo (sincronizzazione) dei contatti nelle impostazioni delle applicazioni. L’obiettivo della funzionalità, introdotta nel 2015 in Messenger e successivamente in Facebook Lite per Android, è semplificare la ricerca degli amici. La richiesta di accesso ai contatti viene mostrata su Messenger attraverso questa schermata.

La schermata di Messenger con la quale viene chiesto il caricamento continuo dei contatti. (immagine: Facebook).

ArsTechnica ha scoperto tuttavia che quanto affermato da Facebook non corrisponde alla verità. Un utente ha installato Messenger nel 2015 e più volte negli anni successivi, ma in nessun caso è stato chiesto il consenso esplicito all’accesso ai log di chiamate e SMS. Stesso discorso per l’app Facebook. In entrambi i casi, la raccolta dei dati era “predefinita” e non c’era un avviso separato, come quello nell’immagine.

Fortunatamente l’azienda di Menlo Park non ha venduto le informazioni degli utenti conservate sui server. Inoltre, Facebook ha raccolto solo i metadati di chiamate e SMS, non il loro contenuto. Rimane però un dubbio: perché è necessario registrare data, ora e durata delle chiamate? Per suggerire le amicizie dovrebbero essere sufficienti il nome dell’utente e il numero di telefono.

Fonte: Facebook • Via: ArsTechnica • Immagine: stockcam via iStock