QR code per la pagina originale

Pixel 3, Google attiva la modalità Foto notturna

Nell'ultima versione dell'app Google Fotocamera è presente la modalità Foto notturna per i Pixel che permette di ottenere scatti nitidi con poca luce.

,

I Google Pixel 3 e Pixel 3 XL hanno una singola fotocamera posteriore da 12,2 megapixel. Grazie alle funzionalità avanzate, come HDR+, Top Shot (Scatto migliore) e Super Res Zoom (Zoom ad alta definizione), si possono ottenere foto di elevata qualità in qualsiasi condizione di illuminazione. Quando la luce è scarsa si può sfruttare la nuova modalità Foto notturna, inclusa dall’app Fotocamera, che sarà disponibile anche per le due precedenti generazioni degli smartphone.

Per ottenere foto accettabili è necessaria una luminosità superiore ai 30 lux (o 3 lux se viene attivata la modalità HDR+), ma la fotocamera incrementa la sensibilità ISO e il tempo di esposizione per catturare più luce, aggiungendo così rumore alle foto. Risultati migliori si ottengono con il flash e l’uso del treppiede, ma il primo illumina solo i soggetti più vicini, mentre il secondo è ingombrante. Secondo Google, la soluzione migliore è proprio la modalità Foto notturna che strutta la fotografia computazionale e il machine learning.

Quando la fotocamera (posteriore o frontale) rileva poca luce verrà mostrato il pulsante “Prova foto notturna” nella parte inferiore della schermata (la modalità può essere attivata anche manualmente). È necessaria un po’ di luce (non funziona al buio completo) e il soggetto deve rimanere fermo per qualche secondo anche dopo lo scatto. Se possibile è meglio appoggiare lo smartphone su una superficie stabile.

Prima della pressione del pulsante di scatto, Foto notturna misura il tremolio della mano e rileva il movimento nella scena inquadrata. Se lo smartphone è stabile e il soggetto è fermo viene aumentato il tempo di esposizione per catturare più luce. Se invece lo smartphone si muove o c’è movimento nella scena, Foto notturna unisce tra loro più scatti con un’esposizione più breve in modo da ottenere una foto finale più nitida. I colori vengono invece bilanciati con l’uso di una rete neurale.

Google suggerisce di toccare un punto più luminoso per migliorare la messa a fuoco, pulire la lente della fotocamera ed evitare di puntare la fotocamera verso le fonti di luce che potrebbero generare riflessi nella foto. La modalità Foto notturna è ovviamente un’esclusiva dei Pixel. Ci sono porting per altri smartphone (con Android 9 Pie), ma il funzionamento è garantito solo per alcuni modelli, tra cui OnePlus 6T e Xiaomi Mi 8.

Immagine: Google