QR code per la pagina originale

Facebook Messenger, Boomerang e modalità selfie

Novità per l’applicazione di Facebook Messenger che introduce gli ipnotici video Boomerang come Instagram.

,

Facebook ha annunciato diverse novità per l’app di Messenger. Arriva innanzitutto il supporto per i video Boomerang, che permette di creare piccoli video loop proprio come su Instagram. Oltre a questo introduce anche la cosiddetta modalità Selfie, in grado di offuscare automaticamente lo sfondo, con il soggetto in primo piano più illuminato.

C’è anche una nuova funzionalità di realtà aumentata che permette di di posizionare gli adesivi di Messenger nelle proprie foto e video. Sono stati introdotti quindi nuovi adesivi AR da poter aggiungere ai foto e video, oltre a filtri e maschere a tema natalizio. Le nuove modalità dovrebbero integrarsi meglio nella barra scorrevole in basso.

Queste novità portano Facebook Messenger ad avere cinque differenti modalità: normale, video, messaggi (a cui si aggiungono nuovi font e colori di sfondo), boomerang e selfie. Tutto questo avviene solo a due mesi di distanza dalla grande semplificazione di design che la stessa Facebook aveva annunciato per Messenger.

Facebook

La società di Mark Zuckerberg si era accorta, in verità un po’ in ritardo, che Messenger era diventato troppo complicato da usare, soprattutto per la sua interfaccia piena di elementi. Messenger 4 infatti ha semplificatola UI introducendo tre tab anziché nove, il che ha semplificato parecchio l’usabilità. La prima è quella delle chat, il secondo è Persone (con i propri amici) e la terza è Scopri, cioè quella che serve a restare in contatto con le aziende, offerte, instant games e news.

I dati di Facebook parlano chiaro: più di 20 milioni di persone utilizzano gli effetti sulle su Messenger e oltre 440 milioni di adesivi vengono inviati nelle chat ogni giorno. Le nuove funzionalità di Facebook Messenger sono disponibili da oggi a livello globale, sia nella nuova app che in quella precedente. Si spera solo che il team continui a introdurre novità, ma integrate meglio con l’interfaccia, altrimenti si torna indietro.