QR code per la pagina originale

Netflix: nel 2018 superati cavo e satellite

Nel corso del 2018, Netflix ha superato le emittenti via cavo e le pay TV satellitari sul fronte del tempo d'utilizzo: lo streaming non trova ostacoli.

,

Il 2018 da poco concluso è stato a dir poco soddisfacente per Netflix, il colosso dello streaming a livello mondiale. Nel corso dell’anno, infatti, la piattaforma ha raggiunto un importante traguardo, quello del superamento della TV via cavo e delle pay-tv satellitari in termini di uso. È quanto certifica PwC, nel suo rapporto annuale sullo stato della fruizione televisiva: “A New Videro World Order”.

Per il proprio report, PwC si è basata sul mercato statunitense, intervistando un campione rappresentativo di 2.016 utenti, di età compresa tra i 18 e i 59 anni e con un reddito annuo di almeno 40.000 dollari. Questa soglia è stata scelta per analizzare le reali possibilità d’accesso al mercato, quindi la possibilità di sottoscrivere abbonamenti via cavo, satellitari o in streaming. Dai dati è emerso come i sottoscrittori di servizi di visione tradizionali siano in calo – una riduzione dal 73 al 67% – mentre cresce esponenzialmente il ricorso alle piattaforme di streaming. Fra queste emerge Netflix, che nel corso dell’anno ha battuto le TV a pagamento raggiungendo una percentuale d’uso del 76%.

Gli spettatori possono oggi ricorrere a un nutrito nugolo di servizi, per creare il loro “nirvana” di visione. Tuttavia, vi è un limite massimo rispetto a quanti diversi servizi un consumatore abbia intenzione di pagare, anche in relazione al tempo a disposizione quotidiano per il consumo. Questo suggerisce come la crescita dei contenuti e delle piattaforme possa non essere sostenibile nel lungo periodo.

Oltre alla possibilità di guardare i propri contenuti quando desiderato, a spingere le piattaforme di streaming è anche l’esperienza d’uso. Ad esempio i servizi di raccomandazione, in particolare quelli basati sull’intelligenza artificiale, sembrano essere molto graditi dagli spettatori, normalmente in difficoltà nel trovare un contenuto adatto ai loro gusti negli enormi archivi di questi servizi. Non ha caso, oltre il 36% dei consumatori ritiene debbano essere implementate delle funzionalità più semplici per trovare contenuti da guardare, mentre solo il 21% ritiene che i servizi di streaming davvero riescano a identificare show e film che potrebbero risultare graditi al singolo abbonato.

Ancora, oltre il 50% del campione afferma di essere pronto a disdire un abbonamento in caso di cataloghi troppo estesi e difficili da navigare o, ancora, scomodi da gestire.