QR code per la pagina originale

Google Play Store, oltre 2000 potenziali app false

Il Google Play Store sarebbe pieno di app e giochi contraffatti, secondo i risultati di uno studio di due anni pubblicati di recente.

,

Alcuni ricercatori hanno scoperto che il Google Play Store contiene migliaia di app potenzialmente contraffatte e malevole nonostante il gigante della ricerca continui a lavorare nel tentativo di migliorare le proprie misure di sicurezza.

Sono state analizzate oltre un milione di applicazioni sul negozio digitale e si è scoperto che un numero allarmante di queste sarebbero pericolose da scaricare. Lo studio, condotto dall’Università di Sydney, dichiara:

Siamo stati in grado di scovare 2.040 potenziali app contraffatte contenenti malware in un totale di 49.608 app che mostravano un’elevata somiglianza con una delle 10.000 app più popolari del Google Play Store. Abbiamo inoltre individuato 1.565 potenziali contraffazioni che chiedono almeno cinque sospetti permessi aggiuntivi rispetto alle app originali.

Tra le app più falsificate c’erano giochi famosi come Temple Run, Free Flow e Hill Climb Racing. I ricercatori hanno scoperto le applicazioni contraffatte creando uno strumento in grado di identificare quelle progettate per ingannare gli utenti, con icone simili alla controparte autentica. Con questo metodo il team è riuscito a trovare un milione di app sospette e, indagando a fondo, ha poi stretto il cerchio stabilendo che 49.608 di queste avevano potenziali contraffazioni.

I ricercatori hanno notato che circa il 35% delle app individuate non sono più disponibili per il download perché “rimosse a causa di reclami dei clienti”; Google tenta di tutelare i suoi utenti con Google Play Protect, che mira a proteggere i dispositivi Android da qualsiasi applicazione potenzialmente dannosa. All’inizio di quest’anno, un portavoce di BigG ha dichiarato:

Garantire sicurezza nell’ecosistema Android non è un compito facile, ma siamo fermamente convinti che Play Protect sia un’importante protezione utilizzata per difendere i dispositivi degli utenti e i loro dati senza limitare la libertà, la diversità e l’apertura che rende Android, beh, Android.

È sempre consigliabile controllare che l’app che si sta scaricando sia la versione ufficiale, osservando la valutazione e leggendo le recensioni (e la descrizione).

Fonte: Computerworld • Immagine: ymgerman via iStock