QR code per la pagina originale

Hack di Twitter: truffe da account di Musk, Apple e Gates

Hack senza precedenti per Twitter: gli account di Elon Musk, Bill Gates, Kanye West e Apple hanno iniziato a twittare una truffa BitCoin.

,

Un maxi hack della piattaforma Twitter è in corso ormai da ore da parte di malintenzionati che stanno promuovendo una truffa sfruttando account verificati di personaggi illustri come Elon Musk e Bill Gates, ma anche del candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden e addirittura dall’account ufficiale di Apple su Twitter.

A partire dal pomeriggio di oggi una serie di account verificati, evidentemente compromessi dagli hacker, stanno invitando gli utenti ad inviare BitCoin con la promessa di avere in cambio il doppio di ciò che è stato inviato loro. In tantissimi ci sono cascati: “se a proporre un irreale scambio del genere sono dei miliardari come Elon Musk, Bill Gates e Kanye West deve essere vero” e così la truffa al momento ha già fruttato ai hacker oltre 12 BitCoin, pari a circa 100mila euro, anche se molti dei trasferimenti non risultano confermati.

Questi gli account compromessi, che hanno prontamente rimosso i tweet incriminati:

  • Bill Gates
  • Elon Musk
  • Kayne West
  • Bitcoin
  • Apple
  • Uber
  • Joe Biden
  • Barack Obama
  • Jeff Bezos
  • Mike Bloomberg

Ad ogni rimozione del tweet incriminato, gli hacker sono tornati alla carica pubblicando nuovi tweet da quegli account verificati, traendo in inganno gli utenti ignari della truffa in corso. Un portavoce di Bill Gates ha confermato che Twitter sta cercando di risolvere il problema:

Possiamo confermare che il tweet non è stato inviato da Bill Gates. Questo sembra parte di un problema che Twitter sta affrontando in questo momento. Twitter è consapevole e sta lavorando per ripristinare l’account.

Difficile sapere al momento cosa sia accaduto o cosa stia succedendo, ma appare poco plausibile che gli hacker siano riusciti ad accedere singolarmente agli account incriminati. Più probabile che abbiano agito sfruttando una falla nel processo di login di Twitter o di una qualche applicazione di terze parti, senza escludere la remota eventualità che gli hacker siano entrati in possesso dei privilegi di amministratore di qualche dipendente di Twitter.

Video:Canon EOS RP, sample video FHD 50p