QR code per la pagina originale

HTC: presto un UMPC con Windows Mobile e Vista?

,

A ottobre dovrebbe fare la comparsa il nuovo Shift, che si propone come il primo UMPC di HTC, annunciato lo scorso marzo insieme all’Advantage.

Il display TFT da 7″ con risoluzione 800×480 pixel dovrebbe consentire l’uso delle principali applicazioni. L’acceleratore grafico dovrebbe poi aiutare anche nel caso si voglia usare software 3D.

La tastiera è scorrevole e monta tasti abbastanza ampi e distanziati per poterla utilizzare sia in piedi che su un tavolo. Lo schermo può infatti essere rialzato e regolato come in un notebook.

La RAM di base è pari a 1 GB ed è presente un disco fisso da 30 GB. Avrei preferito 2 GB di memoria di sistema, dato che viene preinstallato Windows Vista Business, che richiede notevoli risorse.

Ottima la connettività. A livello telefonico è disponibile un modulo GSM/UMTS quadribanda, per poter effettuare e ricevere chiamate in pratica ovunque. A livello dati vi sono HSDPA e WiFi, per lavorare sempre ad elevata velocità.

La CPU dovrebbe essere basata su tecnologia Intel Stealey a 800 MHz. Per incrementare le prestazioni medie avrei preferito una frequenza di clock da 1,2 GHz, sacrificando in parte la durata della batteria, che dovrebbe aggirarsi sulle 3 ore.

Peso e dimensioni di Shift sono davvero interessanti: 900 grammi e 20,5×13,5x 3 centimetri, per usare l’unità nelle situazioni più disparate.

Il prezzo dovrebbe assestarsi intorno ai 1.300 Euro. Trattandosi di un dispositivo che strizza l’occhio all’utenza affari non è una cifra esagerata, potendo forse risultare appetibile anche a utenti non professionisti.

Rimane un aspetto da sottolineare: inizialmente sembrava che Shift dovesse essere dotato di un doppio processore per ospitare anche il sistema operativo Windows Mobile. Prova ne sia questo video di presentazione, che ne esaltava tale peculiarità.

In pratica un pulsante posto nella parte inferiore dello schermo consentiva il passaggio immediato da un sistema operativo all’altro, novità pressoché assoluta in tale ambito di device.

Nella versione ufficializzata il tasto svolge invece la funzione di pulsante Start di Windows, relegando, pare, la compatibilità con Pocket PC ad una mera emulazione.

Spero che la soluzione combinata possa venire proposta in uno dei prossimi apparecchi di HTC, per cogliere il meglio da entrambi e rendere massime compatibilità e velocità operativa.

Notizie su: