QR code per la pagina originale

RushmoreDrive e la ricerca tematica

RushmoreDrive è un motore di ricerca ottimizzato sulla cultura afroamericana. Il concetto è semplice: i motori di ricerca premiano solitamente le scelte delle comunità più numerose, penalizzando le minoranze. C'è bisogno, quindi, di servizi alternativi

,

RushmoreDrive.com è il più importante esperimento di motore di ricerca di nicchia che si può vedere in rete: si tratta di una risorsa che restituisce per ogni ricerca i risultati più rilevanti per le comunità afroamericane. Lungi dall’essere uno strumento razzista, è in realtà un esperimento di liberazione dalle nicchie.

La scelta della popolazione afroamericana infatti non è emblematica della volontà di differenziare l’accesso alla rete per “razze”, ma di individuare una minoranza tra i navigatori che ha delle esigenze precise che non sono sempre identiche a quelle della maggioranza. I motori di ricerca più importanti, infatti, non considerano l’identità culturale e propongono i risultati delle ricerche in un ordine dato da un algoritmo. Tale algoritmo tiene conto di tanti elementi diversi per determinare la pertinenza e il gradimento da parte della maggioranza degli utilizzatori.

Così se si ricerca “diabete” su RushmoreDrive.com i primi risultati riguardano il Tipo 2 della malattia che solitamente colpisce di più asiatici e afro-caraibici o se si cerca “giochi olimpici” i primi risultati riguarderanno l’archivio dei risultati degli atleti di colore nelle manifestazioni. Secondo i creatori del progetto, infatti, il sistema di ranking dei grandi motori di ricerca spesso è lontano dalla “saggezza delle masse” e più vicino alla “tirannia della maggioranza”.

Il creatore di RushmoreDrive, John Taylor, spiega come «la gente può cambiare Google con le sue scelte e le sue preferenze ma i neri hanno meno influenza perchè sono di meno. Noi cerchiamo di ottimizzare la rilevanza secondo i caratteri dell’identità culturale». Una riflessione che si fece tempo fa anche in Europa contro una visione anglocentrica della cultura in rete.

L’idea infatti non è un’esclusiva di RushmoreDrive: esistono già altre risore come blackwebportal, blackfind o blackseek che fanno lo stesso lavoro. Inoltre Yahoo ha messo a punto con BOSS un sistema di personalizzazione dei risultati delle ricerche e ancora Ask.com ha un algoritmo che mette in primo piano i risultati più rilevanti per il pubblico femminile (che costituisce il 60% della sua audience); il sito di John Taylor però è sicuramente il progetto meglio strutturato e finanziato nel suo genere.

Tutto quanto si basa sull’assunto per cui al momento la rete non sia una forza aggregante ma disgregante, poichè esiste effettivamente una diversità nell’accesso. La parte socioeconomicamente più alta della popolazione ha più confidenza con la rete, ha una connessione always on e un computer in casa, dunque abita di più la rete e contribuisce a dargli una forma che la rappresenti: ecco quindi che si crea l’esigenza di una parte di internet che sia fatta ad uso e consumo delle minoranze.

Notizie su: