QR code per la pagina originale

Digg affossa l’esclusiva Microsoft nell’advertising

Il famoso portale per il social bookmarking ha anticipato di un anno la chiusura del contratto in esclusiva con Microsoft per l'advertising. A partire dal mese di luglio, gli annunci pubblicitari saranno gestiti direttamente dalle risorse interne di Digg

,

Sembra essere destinato a una fine prematura l’accordo in esclusiva tra Digg e Microsoft per l’advertising. Secondo alcune fonti online, il famoso portale per il social bookmarking avrebbe deciso di interrompere il contratto con il colosso dell’informatica un anno prima della sua effettiva scadenza. La fine anticipata dell’esclusiva potrebbe consentire a Digg di diversificare la propria offerta per gli annunci pubblicitari, aprendo la porta a nuove soluzioni di marketing.

Stando alle indiscrezioni raccolte dal sito di informazione online Clickz, a partire dal prossimo mese di luglio Digg assumerà il pieno controllo dell’advertising sul suo portale attraverso le proprie risorse interne. La decisione del sito per il social bookmarking comporta una rimodulazione degli attuali accordi con Microsoft, che prevedevano inizialmente un rapporto in esclusiva tra i due sogetti fino alla metà del 2010. Sembra che all’epoca della formulazione del contratto, alcuni responsabili di Digg avessero comunque ventilato già l’ipotesi di rivedere i rapporti di esclusiva con Microsoft prima del termine del patto.

Dal prossimo luglio, Digg offrirà agli inserzionisti alcune possibilità aggiuntive per svolgere le loro campagne di marketing sul suo affollato portale. Salvo cambiamenti, la società si occuperà della realizzazione di annunci pubblicitari personalizzati e non necessariamente sviluppati per i tradizionali banner che contornano i contenuti del sito. Nel corso dei prossimi mesi, Digg affiderà ad alcuni referenti (meno di una decina) le aree strategiche di Los Angeles, San Francisco, Chicago e New York per fornire assistenza e supporto ai grandi inserzionisti.

Microsoft potrà continuare a pubblicare gli annunci “avanzati” provenienti dal proprio circuito fino al prossimo luglio, durante il mese estivo la gestione passerà invece nelle mani di Digg. La rimodulazione dell’accordo non sembra implicare una diretta bocciatura per la piattaforma di Microsoft, che ha consentito al portale per il social bookmarking di monetizzare meglio il proprio ampio bacino di utenti. Stando alle indiscrezioni, la decisione deriverebbe dunque dal solo desiderio di estendere e differenziare maggiormente l’offerta nell’advertising, consentendo così a Digg di non dipendere eccessivamente da terzi per gli introiti legati alla pubblicità.

Notizie su: